Differenze tra le versioni di "Postulato"

27 byte aggiunti ,  3 anni fa
nessun oggetto della modifica
Il '''postulato''' dal latino ''postulatum'' «ciò che è richiesto», è una proposizione che, senza essere stata preventivamente dimostrata come vera, viene assunta come se lo fosse al fine di giungere logicamente alla verità di una qualche asserzione.<ref>''Enciclopedia Garzanti di filosofia'' (1981) alla voce corrispondente</ref> Ad esempio nella ''[[Critica della ragion pratica]]'' Kant sostiene che chi aspira a conseguire come fine della sua azione morale il "sommo bene", inteso come "il bene più completo" deve accettare il postulato dell'immortalità dell'[[anima]]: poiché solamente la condizione di santità reca l'uomo al sommo bene, e poiché essa è possibile solo nell'aldilà si deve affermare che il soggetto morale ha a sua disposizione un tempo illimitato ed infinito.
Il postulato quindi nella filosofia antica si distingueva dall'[[assioma]] considerato come un'asserzione tanto evidente di non avere bisogno di alcuna dimostrazione <ref>''Dizionario di filosofia Treccani'' (2009) alla voce "postulato"</ref>
Nella dottrina aristotelica l'assioma è «...quel principio che deve essere necessariamente posseduto da chi vuole apprendere alcunché»
{{quote|...quel principio che deve essere necesariamente posseduto }}
 
Nella terminologia logica attuale il termine postulato viene considerato come sinonimo di [[assioma]] a partire dalla fine del XIX secolo, specialmente per opera di G. Frege, G. Peano, B. Russell e D. Hilbert. <ref>''Enciclopedia Treccani'' alla voce "postulato"</ref>
97 414

contributi