Differenze tra le versioni di "Città di Castello"

nessun oggetto della modifica
(→‎Territorio: Sempl.)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile
 
Altro aspetto peculiare, che ha avuto probabilmente proprio Città di Castello come centro di irradiazione, e che coinvolge anche le parlate vicine di [[San Giustino]], [[Monte Santa Maria Tiberina]], [[Citerna]] e parzialmente quella degli anziani di [[Monterchi]], è l'isocronismo sillabico. In questo caso le vocali in sillaba complicata, terminante per consonante, vengono pronunciate tutte aperte (štrèt-to, quèš-to, ròt-to, còr-šo), mentre quelle in sillaba libera, terminante per vocale, vengono pronunciate tutte chiuse (bé-ne, šé-dia, có-sa, štó-ria). È un fenomeno costituente un unicum in tutta l'Italia centro-settentrionale, e che non ha relazioni con situazioni analoghe del Centro-sud adriatico ([[Abruzzo]] e [[Puglia]]).
 
Pertanto, la resa delle vocali si distingue a seconda della sillaba, e lo schema sarà il seguente:
* per "A" si avrà in sillaba libera la palatalizzazione in "è" aperta (''chè-sa'' per "casa", ''tornè-to'' per "tornato"), mentre in sillaba complicata essa mantiene la quantità originaria (''àl-to'', ''fàt-to'');
* per "E" si avrà in sill. lib. "é" chiusa (''bé-ne'', ''problé-ma'', ''ripé-te''), in sill. compl. "è" aperta (''dèt-to'', ''stès-so'', ''lèg-no'');
* per "O" si avrà in sill. lib. "ó" chiusa (''có-sa'', ''mó-do'', ''só-cio'', ''só-pra''), in sill. compl. "ò" aperta (''giòr-no'', ''mòl-to'', ''sòt-to'');
* per "I" si avrà in sill. lib. la quantità originaria (''vì-te'', ''vì-so''), in sill. compl. si avrà l'innalzamento di un grado ad "é" chiusa (''finés-ce'' per "finisce", ''scrét-to'' per "scritto");
* per "U" si avrà in sill. lib. la quantità originaria (''nù-do'', ''mù-to''), in sill. compl. si avrà l'innalzamento di un grado ad "ó" chiusa (''brót-to'' per "brutto", ''póz-zo'' per "puzzo", cfr. ''pòz-zo'' per "pozzo").
 
== Cultura ==
Utente anonimo