Differenze tra le versioni di "Assassino"

1 byte aggiunto ,  3 anni fa
m
Bot: orfanizzo redirect Alamut
m (Annullate le modifiche di 5.170.105.22 (discussione), riportata alla versione precedente di Adalhard Waffe)
m (Bot: orfanizzo redirect Alamut)
 
== Storia del termine ==
Il nome assassino era usato nell'Occidente cristiano per designare i seguaci del veglio della montagna o ''gran maestro degli assassini'', [[Ḥasan-i Ṣabbāḥ]], l'[[Imam]] cui dovevano cieca obbedienza. Questa organizzazione fu una diramazione degli eretici musulmani sciiti fondata dal persiano [[Ḥasan-i Ṣabbāḥ|Hasan al-Sabbah]] il quale, dapprima sostenitore dei [[Fatimidi|Fatimiti]] egiziani, divenne poi seguace di [[Nizar]], fratello e rivale del loro capo, ''musta'li'': egli, postosi alla testa degli ismailiti persiani, stabilì nel [[1090]] la propria base nella fortezza di [[AlamutAlamūt]] a Nord/Est di [[Qazwin]] ([[Persia]] orientale), organizzando rigidamente la setta e combattendo con successo i sovrani musulmani ortodossi, specialmente i [[selgiuchidi]].
 
Morto Hasan nel [[1124]], la setta perfezionò ulteriormente i suoi dogmi ereticali, perdendo, tuttavia, progressivamente potere, finché fu abbattuta dal khan mongolo [[Hulagu]] nel [[1256]] e l'ultimo degli assassini, ''Rukn ad-din'', fu condannato alla [[pena di morte]]. La setta contò fino a 60.000 membri. Uno dei suoi rami si era esteso anche in [[Siria]], dominando empori come [[Aleppo]], [[Apamea]], [[Diyarbakır|Amida]], mescolandosi alle rotte fra musulmani e [[Crociato|Crociati]], parteggiando ora per questi ora per quelli, adoperando i metodi di assassinio politico istituiti dal fondatore (da cui il nome moderno di assassino nel senso di omicida). Anche questo ramo però cadde definitivamente nel [[1273]], ad opera di [[Baybars]], [[sultano]] d'[[Egitto]]. Altri si salvarono, dando vita ai '''[[Khoja (ismailiti)|Khoja]]''', comandati nel ventunesimo secolo da [[Karim Aga Khan IV]]. Molte delle notizie sul ''vecchio della montagna'' e sui Nizariti si hanno da [[Marco Polo]].Il primo ad usare questo termine è '''''Guido delle Colonne nelle Rime.'''''<ref>{{Cita libro|autore=Gianfranco Contini|titolo=Poeti del Duecento|anno=1960|editore=|città=Milano-Napoli|p=97-110|pp=|ISBN=}}</ref>
579 395

contributi