Differenze tra le versioni di "Campagna dell'Africa Orientale Italiana"

m
Bot: orfanizzo redirect Ascari
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile
m (Bot: orfanizzo redirect Ascari)
 
== La situazione italiana ==
La forza italiana presente in Africa Orientale nel giugno 1940 era molto consistente dal punto di vista numerico. I militari nazionali erano circa 91.000, raggruppati nelle [[65ª Divisione fanteria "Granatieri di Savoia"|divisioni "Granatieri di Savoia"]] e [[Divisione fanteria "Cacciatori d'Africa"|"Cacciatori d'Africa"]] (quest'ultima fortemente incompleta), nel [[Milizia Coloniale|"Gruppo CC.NN. d'Africa"]] su 31 btg., in 3 compagnie carri armati, e nelle forze di [[Polizia dell'Africa italiana]], della [[Regia Marina]] e della [[Regia Aeronautica]]. I quasi 200.000 indigeni ([[ascariàscari]], [[dubat]], [[zaptié]], irregolari) si raggruppavano in 13 divisioni coloniali su 29 brigate (solo alcune complete, altre incomplete o ancora in via di formazione), 17 battaglioni autonomi, 8 squadroni di cavalleria, 22 gruppi-bande regolari e irregolari (quest'ultime generalmente male armate e di scarso valore bellico).<ref>[[Giorgio Rochat]] ''Le guerre italiane 1935-1943. Dall'impero d'Etiopia alla disfatta'', Einaudi, pag. 298</ref>. Sulla carta gli italiani avevano una soverchiante superiorità numerica ma questa situazione era parzialmente modificata da diversi seri handicap. Le forze britanniche aumentarono sensibilmente nelle varie fasi della campagna, mentre gli italiani non ricevettero alcun rinforzo.
 
{| border="0" align="center" style="border: 1px solid #999; background-color:#FFFFFF"
578 367

contributi