Differenze tra le versioni di "Opuntia ficus-indica"

m
Bot: righe vuote in eccesso e modifiche minori
(Recupero di 3 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v1.6.2))
m (Bot: righe vuote in eccesso e modifiche minori)
Il [[Peru]] viene indicato come importante paese di produzione, con circa 30-40 mila ettari soprattutto produzione selvatica per la cocciniglia. La coltivazione avviene nelle valli andine principalmente delle regioni [[Ayacucho]], [[Huancavelica]], [[Apurímac]], [[Arequipa]], [[Ancash]], [[Lima (Perù)|Lima]] e [[Moquegua]].
 
In [[Brasile]] si coltiva su circa 40 mila ettari prevalentemente per foraggio<ref>{{cita web|editore=[[FAO]]|titolo=Agro-industrial utilization of cactus pear|città=Roma |anno=2013 |url=http://www.fao.org/docrep/019/a0534e/a0534e.pdf|lingua=en}}, pag.5</ref> . In Cile la superficie è di circa 1.000 ettari<ref>{{cita web|editore=[[FAO]]|titolo=Agro-industrial utilization of cactus pear|città=Roma |anno=2013 |url=http://www.fao.org/docrep/019/a0534e/a0534e.pdf|lingua=en}}, pag.5</ref> .
 
Tra i principali paesi produttori a livello mondiale e primo a livello europeo è l'Italia<ref>{{cita libro|autore=Danilo Scalone|titolo=Studio e Caratterizzazione di alcuni prodotti tipici Mediterranei in
termini di qualità e funzioni salutistiche|città=Catania|editore= |anno=2013|url=http://archivia.unict.it/handle/10761/1402}}</ref>, dove la produzione riguarda di fatto esclusivamente il frutto da commercializzare.
In Italia vengono prodotti da 750&nbsp;000 a 900&nbsp;000 quintali all'anno (periodo 1999-2010)<ref>{{cita web|titolo=Produzione agricola totale per tipo di prodotto e anno (quintali)|url=http://www.istat.it/it/sicilia/dati?q=gettable&dataset=DCSP_COLTIVAZ&dim=120,3,9,0,0&lang=2&tr=0&te=0}}</ref>, prevalentemente nelle provincie di Catania, Caltanissetta e Agrigento. Infatti, il 90% della superficie coltivata a fico d'India è localizzata in [[Sicilia]] (800.000 quintali, 8.000 ettari <ref>{{cita web|titolo=Sicilia: Superficie agricola per tipo di coltivazione e anno (superficie in ettari) |url=http://www.istat.it/it/sicilia/dati?qt=gettable&dataset=DCSP_COLTIVAZ&dim=120,1,9,0,0&lang=2&tr=0&te=0}}</ref>), il rimanente 10% in [[Basilicata]], [[Calabria]] (5.000 quintali, 50 ettari<ref>{{cita web|titolo=Calabria: Superficie agricola per tipo di coltivazione e anno (superficie in ettari) |url=http://www.istat.it/it/calabria/dati?qt=gettable&dataset=DCSP_COLTIVAZ&dim=113,1,9,0,0&lang=2&tr=0&te=0}}</ref>), [[Puglia]] (25.000 quintali, 300 ettari<ref>{{cita web|titolo=Puglia: Superficie agricola per tipo di coltivazione e anno (superficie in ettari) |url=http://www.istat.it/it/puglia/dati?qt=gettable&dataset=DCSP_COLTIVAZ&dim=104,1,9,0,0&lang=2&tr=0&te=0}}</ref>) e [[Sardegna]]. In Sicilia, oltre il 70% delle colture si concentrano in 3 aree: la zona collinare di [[San Cono (Italia)|San Cono]], il versante sud-orientale delle pendici dell'[[Etna (vulcano)|Etna]] e la [[Valle del Belice]].
 
In [[Tunisia]] (dove la pianta è chiamata "hindi") si stima che ci siano sui 600 mila ettari, i quali però solo in piccola parte sono utilizzati a fini commerciali, mentre la maggior parte serve per l'alimentazione animale e contro l'erosione.
[http://www.agriculture.tn/DGACTA/3-DTF-3-Fiche-Figue%20de%20Barbarie-Kairouan-30nov.pdf pdf]
</ref>
Le principali regioni sono [[Governatorati della Tunisia|governatorati]] [[Governatorato di al-Qayrawan|Kairouan]], [[Governatorato di Kasserine|Kasserine]] (soprattutto presso [[Thala]]) e [[Governatorato di Sidi Bouzid|Sidi Bouzid]], tra di loro confinanti.
Nei settori ([[imada]]) [[El Messaid (El Alâa)|El Messaid]], [[Sayada Nord]], [[Messiouta El Hanachir]] della [[Delegazioni della Tunisia|delegazione]] [[El Alâa]] nella regione di Kairouan
2 mila ettari, ovvero il 15% del territorio è ricoperto da tale pianta.
1.200 di questi (9% del territorio) sono coltivati, gli altri sono formati da siepi, barriere o da piante presso gli edifici abitati.
Anche grazie agli accordi doganali tra la Tunisia e l'Unione Europea vengono esportati annualmente circa 70-80 mila tonnellate.
La produzione biologica certificata nella regione Kairouan è meno diffusa che nelle regioni Kasserine e Sidi Bouzid (situazione 2015).
 
 
In Marocco la produzione avviene su circa 120.000 ettari e coinvolge 23 varietà di ''Opuntia ficus-indica'' e 7 di ''[[Opuntia megacantha]]''.<ref>{{cita pubblicazione|autore=Youssef El Kharrassi et al|titolo=Fruit and juice characteristics of 30 accessions of two cactus pear species (Opuntia ficus indica and Opuntia megacantha) from different regions of Morocco |anno=2016 |editore=LWT - Food Science and Technology|lingua=en}}</ref><ref>{{cita web|titolo=30 accessioni marocchine di fico d'India adatte per la produzione di succo di frutta |url=http://www.freshplaza.it/article/86781/30-accessioni-marocchine-di-fico-dIndia-adatte-per-la-produzione-di-succo-di-frutta}}</ref>
2 771 708

contributi