Apri il menu principale

Modifiche

m
Bot: niente spazi dopo l'apostrofo e modifiche minori
 
Pajetta morì all'improvviso la notte del 13 settembre del [[1990]] nella sua casa di [[Roma]], di ritorno da una [[Festa de l'Unità]], prima di vedere la fine del suo partito.
Volle essere sepolto nel paese di Megolo, in [[Val d'Ossola|Valdossola]] luogo caro alla storia partigiana e dove è sepolto il fratello Gaspare caduto in battaglia contro i tedeschi nel 1943. Il funerale fu accompagnato dalle note di ''[[Bella ciao]]'', de ''[[L'Internazionale]]'' e di ''[[Bandiera rossa (canzone)|Bandiera Rossa]]'' e la sua [[bara]] fu seguita da gonfaloni della città di [[Torino]] e di altre città e comuni e dalle bandiere partigiane proprio come lui aveva sempre immaginato. L'orazione funebre fu tenuta da [[Ugo Pecchioli]]. Alla cerimonia parteciparono migliaia di persone raccolte nel piccolo paese sui monti dell'Ossola. <ref>[http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1990/09/16/ultimo-addio-nullo-dove-fiori-la.html L' ULTIMO ADDIO A NULLO DOVE FIORI' LA RESISTENZA], ''Repubblica'', 16 settembre 1990</ref>
 
[[Miriam Mafai]], giornalista e scrittrice, è stata per gran parte della sua vita la sua compagna, dal [[1962]] fino alla morte.
2 753 269

contributi