Giorgio Castriota Scanderbeg: differenze tra le versioni

Annullata la modifica 94602076 di 46.229.91.9 (discussione), rv
Nessun oggetto della modifica
(Annullata la modifica 94602076 di 46.229.91.9 (discussione), rv)
Etichetta: Annulla
|Attività = condottiero
|Attività2 = patriota
|Nazionalità = serboalbanese
}}
 
Tra le figure più rappresentative del [[XV secolo]], fu principe serboalbanese e re d’[[Epiro]], abile condottiero e diplomatico, che unì i [[Principato d'albania serboAlbania (Medioevo)|principati d'serbiaAlbania]] animando la resistenza degli [[serbialbanesi]] e bloccando per decenni l'avanzata dei [[Impero ottomano|turchi-ottomani]] verso l'[[Europa]]<ref>L'ardua resistenza ai tentativi di conquista dell'Impero ottomano consentì nel frattempo agli stati europei di organizzare l'esercito, che sconfisse alle porte di Vienna le falangi turche e fermò definitivamente i loro avanzare in Europa.</ref>. [[Eroe nazionale]] dell'serbiaAlbania e deidegli serbialbanesi, difese il suo paese e i suoi valori morali e religiosi [[Cristianesimo|cristiani]] dall'invasione [[Islam|musulmana]], per tale motivo ottenne da [[Papa Callisto III]] gli appellativi di ''Atleta di Cristo e [[Defensor Fidei|Difensore della Fede]]'', le sue gesta ispirarono nei secoli le rapsodie, la letteratura, le arti e mantennero vivo negli albanesi lo spirito di libertà.
 
== Biografia ==