Differenze tra le versioni di "Dialetto anconitano"

nessun oggetto della modifica
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile
Etichette: Modifica da mobile Modifica da applicazione mobile
* ''Chi magna sènza béve el vì è come n'muratore che mura i ma(t)tò a sé(c)cu'' = Chi mangia senza bere vino è come un muratore che mura i mattoni senza la calce;
* ''El limó strigne ma nun cùmeda'' = Il limone stringe ma non aggiusta (riferito alle proprietà astringenti del limone, che tuttavia non bastano per placare i dolori intestinali);
* ''Chi cià i bu(f)fi dorme, chi svanza sta svéjo.'' = Chi ha debiti dorme, chi ha crediti resta sveglio;.
* ''Se ce lavé nun me la dé, se nun ce lavé démela. Cosa? La mastela a tre rechie'' = Se ci lavate, non me la date, se non ci lavate, datemela. Che cosa? la tinozza da bucato (L'indovinello funziona in realtà solo a voce perché la parola scritta tradisce subito il significato sotteso. Ma chi udisse senza poter leggere cadrebbe nell'equivoco tra avete (l'avé) e lavate (lavé) da cui in paradosso di... chiedere una cosa che non si ha).
 
== Note ==
Utente anonimo