Apri il menu principale

Modifiche

m
nessun oggetto della modifica
Contemporaneamente all'attività politica, le iniziative di Gregorio furono volte alla prosecuzione dell'impegno del [[Papa Gregorio II|predecessore]] nell'evangelizzazione dell'[[Europa settentrionale]], che [[Papa Gregorio II|Gregorio II]] aveva affidato al monaco anglosassone [[Bonifacio (vescovo di Magonza)|Wynfrith]] (ribattezzato Bonifacio), il quale, ottenuto il [[pallio (cattolicesimo)|pallio vescovile]] e appoggiato pienamente nella sua missione da [[Carlo Martello]], nel [[738]] aveva ormai pieni poteri di vicario della Chiesa di Roma nella [[Baviera]], ormai completamente cristianizzata. Ma non trascurò la Chiesa anglosassone, concedendo il [[pallio (cattolicesimo)|pallio]] anche ad Ecgbert, [[arcivescovo di York]], e Tatwin, [[arcivescovo di Canterbury]]. Per la loro importante opera missionaria ottennero il [[pallio (cattolicesimo)|pallio]] anche [[Villibaldo di Eichstätt|Willibald]], in [[Boemia]], e [[Beda il Venerabile|Beda]] in [[Inghilterra]]. Per contrastare le ultime resistenze di paganesimo nel [[Europa Settentrionale|nord-Europa]] spostò la festa di [[Tutti i Santi]] dal [[13 maggio]] al [[1º novembre]], allo scopo di sovrapporla alla festa [[Celti|celtica]] di [[Samhain]] ([[Halloween]]).
 
Gregorio vietò ai cristiani la consumazione di [[Equus caballus#Carne|carne di cavallo]], definita in una lettera scritta a [[Bonifacio (vescovo di Magonza)|Wynfrith-Bonifacio]] nel [[732]], in risposta a vari quesiti del missionario sull'evangelizzazione dei popoli del [[Europa Settentrionale|nord-Europa]], un cibo ''immundum et execrabile'';: chi l'avesse mangiata avrebbe dovuto fare [[Penitenza (sacramento)|penitenza]], dato che la consumazione di carne equina aveva connotazioni legate con il [[paganesimo]]<ref>Cfr. "[http://medio-evo.blitzquotidiano.it/articolo/carne-di-cavallo-tabu-alimentare-mai-italia-35/ ''Carne di cavallo, un tabù alimentare che non ha mai funzionato in Italia'']"</ref>.
 
Gregorio III morì il 28 novembre [[741]], prima di conoscere la seconda risposta negativa di [[Carlo Martello]] alla sua richiesta d'aiuto, e fu sepolto in [[Antica basilica di San Pietro in Vaticano|San Pietro]].