Václav Hájek z Libočan: differenze tra le versioni

(→‎top: +O using AWB)
Durante la sia esistenza rimase coinvolto in numerosi processi, sia contro personalità religiose sia laiche.
 
La sua prima [[religione]] fu quella [[Protestante|cristiana Protestanteprotestante]], ma in un secondo tempo, nel [[1521]], si convertì al [[Cattolicesimocattolicesimo]].
[[File:Hajek Kronyka.jpg|thumb| upright=1.2| Kronika Česká, 1541]]
Il suo nome è rimasto celebre per la sua redazione di una ''Kronika Česká'', edita nel [[1541]], commissionata da alcuni [[nobili]] cattolici, allo scopo di contestare la ''Kronika o založeni zemč české'' (Cronaca sulla fondazione della terra ceca), scritta dall'[[Hussiti|Hussita]] Martin Kuthen e ritenuta troppo indulgente nei confronti della [[borghesia]].
Dal punto di vista letterario, comunque, la ''Kronika'' di Hájek, si rivelò superiore a tutte le opere dello stesso genere pubblicate fino a quel momento e contribuì all'evoluzione della letteratura ceca.<ref name=Muse>''Le Muse'', De Agostini, Novara, 1965, vol. 5 p. 461</ref>
 
Il suo lavoro si distinse per una marcata <<"gioia del raccontare>>" e ad una integrazione dei fatti storici con [[racconto|racconti]] raccolti dalla tradizione orale popolare e da riferimenti di autori dell'antichità classica.
 
La sua vasta cronaca della storia ceca coprì il periodo dall'arrivo degli antenati cechi nell'anno [[644]] fino all'incoronazione di [[Sovrani di Boemia|Ferdinando I]] come re di Boemia nel [[1526]].
128 722

contributi