Mitologia greca: differenze tra le versioni

Ripristino alla versione 95239087 datata 2018-03-08 20:48:12 di Syrio tramite popup
(Ripristino alla versione 95239087 datata 2018-03-08 20:48:12 di Syrio tramite popup)
:''Vedi anche'' [[Semidio|Semidei]], le [[Driadi]], i [[Fato|Fati]], le [[Erinni]], le [[Grazie (mitologia)|Grazie]], le [[Ore]], le [[Muse (mitologia)|Muse]], le [[Ninfa (mitologia)|Ninfe]], le [[Pleiadi (mitologia)|Pleiadi]], i [[Titano (mitologia)|Titani]], le [[Graie]], le [[Gorgoni]].
 
== L'importanza dei miti nella cultura grecgreca ==
La conoscenza della mitologia era profondamente radicata e faceva parte della vita quotidiana degli antichi greci.<ref>Albala-Johnson-Johnson, ''Understanding the Odyssey'', 15.</ref> I Greci consideravano la mitologia come parte della loro storia. Si servivano dei miti per spiegare sia i fenomeni naturali, sia le diversità culturali e le inimicizie e alleanze politiche. Provavano un sincero orgoglio quando pensavano di essere riusciti a scoprire che la linea [[genealogia|genealogica]] di uno dei loro re o leader risaliva fino ad un dio o a un eroe. Pochi credevano che i racconti dell'Iliade e dell'Odissea non corrispondessero ad eventi effettivamente accaduti. La profonda conoscenza dell'epica omerica era considerata dai Greci come la base del loro processo di accrescimento culturale. Omero era "''l'istruzione della Grecia''" ('''Ἑλλάδος παίδευσις'''), e i suoi componimenti "''Il Libro''".<ref name="Hanson-Heat">Hanson-Heath, ''Who Killed Homer'', 37.</ref>