Differenze tra le versioni di "Mosè Maimonide"

(rb)
 
[[File:Jews of Kai-Fung-Foo, China.jpg|thumb|left|upright=0.9|Ebrei di Kaifeng<br />({{ebraico|יהדות מזרח ''Yahadut Mizrah'' }}), fine [[XIX secolo]]]]
Sebbene la ''Mishneh Torah'' sia oggi considerata l'opera antesignana dell'''[[Arba'ah Turim]]'' e dello ''[[Shulchan Arukh]]'' (due codici successivi), incontrò inizialmente molta opposizione. Due erano le ragioni principali di questa opposizione. In primo luogo, Maimonide si era astenuto dall'aggiungere riferimenti al suo lavoro per ragioni di brevità; in secondo luogo, nella premessa, diede l'impressione di voler "escludere" lo studio del Talmud,<ref>Cfr. l'ultima sezione dell'Introduzione di Maimonide alla ''Mishneh Torah''.</ref> per arrivare ad una conclusione in materia di Legge ebraica, anche se lo stesso Maimonide scrisse in seguito che questa non era stata la sua intenzione. I suoi avversari più accaniti furono i rabbini di [[Provenza]] (sud della [[Francia]])<ref>HOWARD KREISEL, ''Judaism as Philosophy: Studies in Maimonides and the Medieval Jewish Philosophers of Provence'', Academic Studies Press (2015).</ref>, e una lunga critica di [[Rabbino|Rabbi]] [[Abraham Ben David]] (soprannominato ''Raavad III'') viene stampata in quasi tutte le edizioni della ''Mishneh Torah''. Nondimeno il codice maimonideo è riconosciuto come un contributo monumentale alla compilazione sistematizzata della [[Halakhah]]. Nel corso dei secoli, è stato ampiamente studiato e le rispettive decisioni halakhiche hanno pesato molto in sentenze rabbiniche successive.
 
In risposta a coloro che volevano tentare di forzare i seguaci di Maimonide e della sua ''Mishneh Torah'' a rispettare le sentenze dello [[Shulchan Arukh]] o di altre opere successive, Rabbi [[Yosef Karo]] scrisse: "Chi oserebbe obbligare le comunità che seguono il Rambam a seguire qualsiasi altro decisore, precedente o successivo?... il Rambam è il più grande dei decisori, e tutte le comunità della [[Terra di Israele]] e dell'[[penisola araba|Arabistan]] e del [[Maghreb]] praticano secondo la sua parola, e lo hanno accettato come rabbino."<ref>[http://hebrewbooks.org/pdfpager.aspx?req=636&pgnum=70 Avkat Rochel, Cap. 32]</ref>