Differenze tra le versioni di "Esercito insurrezionale rivoluzionario d'Ucraina"

m (Bot: Markup immagini, accessibilità)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
La formazione delle prime bande insurrezionaliste risale alla diffusione della stipula del [[Trattato di Brest-Litovsk]] del 3 marzo [[1918]]: esso sanciva il passaggio della [[Gubernija dell'Ucraina]] al controllo degli [[Imperi centrali]]. Alcuni membri di milizie popolari cominciarono a riunirsi dalle campagne attorno alla carismatica figura di [[Nestor Ivanovič Machno|Nestor Machno]], un [[anarchia|anarchico]] che aveva iniziato una serie di azioni di [[guerriglia]] contro le truppe [[Impero austro-ungarico|austro]]-[[Impero tedesco|tedesche]], prendendo nel contempo contatti con i [[bolscevismo|bolscevichi]] [[russi]] per ottenere appoggio.
 
A muovere gli ideali di indipendenza del suo Paese era, per Machno e i suoi seguaci, anche l'applicazione e la massificazione di un movimento di [[Anarco-comunismo libertario|anarco-comunista]] di matrice anarchica, dunque del tutto differente da quello applicato nelle città e nelle campagne sottoposte al potere bolscevico.
 
L'Ucraina era un paese quasi totalmente [[agricoltura|contadino]], quindi il punto centrale di un qualunque modello economico era logicamente il controllo dei campi; gli ideali anarchici si diffusero quindi molto rapidamente, avendo i contadini sempre aspirato alla proprietà della terra che coltivavano da generazioni in condizioni di estremo [[latifondismo]]. I terreni sottratti ai grandi latifondisti vennero interamente consegnati ai braccianti e, per quanto possibile, si attuò l'autogestione.
Utente anonimo