Differenze tra le versioni di "Volontariato"

Revisiono incipit con note e template L
m (Annullate le modifiche di 80.21.144.186 (discussione), riportata alla versione precedente di Michi81)
Etichetta: Rollback
(Revisiono incipit con note e template L)
{{F|sociologia|dicembre 2015}}
{{L|sociologia|marzo 2018}}
[[File:Carting dirt in Yaounde.jpg|thumb|upright=1.3|Volontari in Africa]]
Il '''volontariato''' è un'attività di aiuto gratuito e spontaneo verso persone in condizioni di indigenza o che necessitano di assistenza oppure per fronteggiare emergenze occasionali o prestando opera e mezzi nell'interesso collettivo in maniera individuale o collettivamente in associazioni costituite per specifici scopi benefici.<ref>{{Treccani|Volontariato|Volontariato|accesso=23 marzo 2018|v=1}}</ref>
Il '''volontariato''' è un'attività di aiuto. Il volontariato può essere operato individualmente o in associazioni organizzate.
 
== NelIn mondoItalia ==
L'[[Italia]] è un paese dove un gran numero di cittadini pratica volontariato in varie forme: secondo l'[[ISTAT]] il numero di volontari stimato in Italia è di 6,63 milioni di persone (tasso di volontariato totale pari al 12,6%).<ref>{{Cita web|url=http://www.istat.it/it/archivio/129115|titolo=Attività gratuite a beneficio di altri|editore=[[Istituto nazionale di statistica]]|sito=Istat.it|accesso=11 dicembre 2015}}</ref> La [[legge]] [[11 agosto]] [[1991]] n. 266 regola il volontariato organizzato ed istituisce delle strutture per lo sviluppo e la crescita del volontariato su base regionale (i [[centri di servizio per il volontariato]]), che forniscono gratuitamente alle organizzazioni di volontariato servizi nel campo della promozione, della consulenza, della formazione, della comunicazione e molti altri.
 
* divieto assoluto di retribuzione degli operatori soci delle associazioni.
 
== Organizzazioni ==
Le organizzazioni di volontariato traggono le risorse economiche per il loro funzionamento e per lo svolgimento della propria attività da:
* contributi degli associati;
* entrate derivanti da attività commerciali e produttive marginali.
 
== Formazioni non statali ==
Esistono poi degli enti che non sono giuridicamente organizzazioni di volontariato, perché non sono enti autonomi, ma hanno al loro interno anche persone che prestano attività volontaria, accanto a persone retribuite.
 
ViAlcuni sono ancheenti enti che non prevedono il vincolo assoluto della gratuità della prestazione e quindi retribuiscono i propri soci, ma possono anche avere volontari che affiancano il personale retribuito, operando gratuitamente.
 
La [[Croce Rossa Italiana]], che dal 1º gennaio [[2014]] è diventata un'organizzazione privata di volontariato, svolge le proprie attività impiegando personale volontario, mai retribuito. Le attività di volontariato della CRI possono essere supportate dal personale dipendente che solitamente è impiegato per il mantenimento della struttura operativa.