Differenze tra le versioni di "Marcello Truzzi"

v. WP:CITIN; rimuovo tag deprecato
(Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v1.6.5))
(v. WP:CITIN; rimuovo tag deprecato)
{{quote|''E quando queste affermazioni sono straordinarie tanto da essere rivoluzionarie nelle implicazioni che hanno rispetto alle attuali leggi scientifiche generali e verificate, dobbiamo richiedere prove straordinarie ''. (Questa affermazione è spesso abbreviata in "''affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie''". |Editorial in ''The Zetetic'' (Vol. 1, No.1, Fall/Winter 1976, p 4|''And when such claims are extraordinary, that is, revolutionary in their implications for established scientific generalizations already accumulated and verified, we must demand extraordinary proof''. (This statement is often abbreviated to "''Extraordinary claims require extraordinary proof.''")|lingua=en
}}
{{Bio
|Nome = Marcello
 
== Studi e opere ==
{{quote|''E quando queste affermazioni sono straordinarie tanto da essere rivoluzionarie nelle implicazioni che hanno rispetto alle attuali leggi scientifiche generali e verificate, dobbiamo richiedere prove straordinarie ''. (Questa affermazione è spesso abbreviata in "''affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie''". |Editorial in ''The Zetetic'' (Vol. 1, No.1, Fall/Winter 1976, p 4|''And when such claims are extraordinary, that is, revolutionary in their implications for established scientific generalizations already accumulated and verified, we must demand extraordinary proof''. (This statement is often abbreviated to "''Extraordinary claims require extraordinary proof.''")|lingua=en
Sviluppò una notevole competenza sia nel campo della [[magia]] e della [[prestidigitazione]], sia in vari ambiti [[scienza|scientifici]] grazie a studi interdisciplinari. <br/>
}}
Come [[sociologo]] pubblicò un suo lavoro nel [[1968]], intitolato "La sociologia del quotidiano", che risultò un [[best seller]].<ref name="metapsychique.org">cite web url={{cita web |url=http://www.metapsychique.org/Marcello-Truzzi-1935-2003.html |titolo=Copia archiviata |accesso=16 ottobre 2008 |urlmorto=sì |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20081228093409/http://www.metapsychique.org/Marcello-Truzzi-1935-2003.html |dataarchivio=28 dicembre 2008 }}</ref> <br/>
 
Sviluppò una notevole competenza sia nel campo della [[magia]] e della [[prestidigitazione]], sia in vari ambiti [[scienza|scientifici]] grazie a studi interdisciplinari. <br/>
 
Come [[sociologo]] pubblicò un suo lavoro nel [[1968]], intitolato "La sociologia del quotidiano", che risultò un [[best seller]].<ref name="metapsychique.org">cite web url={{cita web |url=http://www.metapsychique.org/Marcello-Truzzi-1935-2003.html |titolo=Copia archiviata |accesso=16 ottobre 2008 |urlmorto=sì |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20081228093409/http://www.metapsychique.org/Marcello-Truzzi-1935-2003.html |dataarchivio=28 dicembre 2008 }}</ref> <br/>
 
I suoi studi nella [[antropologia]], [[criminologia]] e [[psicologia]] culminarono, nel [[1992]], con l'uscita del libro, scritto a quattro mani con Arthur Lyons, ''The Blue Sense: Psychic Detectives and Crime''. <br/>
Il suo atteggiamento nei confronti del mondo del paranormale è stato definito quello di uno "scettico equilibrato", aperto all'analisi non pregiudizievole di tutti i punti di vista, propenso a imbastire un dialogo fra i settori delle scienze e del paranormale.<ref name="metapsychique.org"/> <br/>
Truzzi pose una distinzione fra le "cryptoscienze" e le "parascienze", a seconda che rispettino o meno i principi di [[causalità]] e di [[inferenza]]. Preferì inquadrare la parapsicologia nell'ambito delle [[protoscienza|protoscienze]], considerandola una disciplina in divenire.<brref name="metapsychique.org"/>
Preferì inquadrare la parapsicologia nell'ambito delle [[protoscienza|protoscienze]], considerandola una disciplina in divenire.<ref name="metapsychique.org"/>
 
Truzzi sostenne l'importanza dello studio dei fenomeni anomali, considerandoli alla stregua di opportunità per lo sviluppo scientifico, in quanto senza di essi e senza la loro accettazione e incorporazione e spiegazione, non ci sarebbe stata alcuna evoluzione scientifica.<ref name="ufoevidence.org">cite web url=http://www.ufoevidence.org/documents/doc1226.htm</ref> <br/>
32 360

contributi