Differenze tra le versioni di "Guglielmo III del Monferrato"

Guglielmo III abbandonò la politica filo-imperiale della sua famiglia per intervenire nelle lotte comunali dell'[[Italia]] degli inizi dell'[[XI secolo]]: partecipò ad un'alleanza anti-imperiale, cui aderirono anche [[Uberto il Rosso]] e [[Olderico Manfredi II]], [[Marca di Torino#Marchesi|marchese di Torino]], alla cui testa stava [[Leone di Vercelli|Leone]], [[Arcidiocesi di Vercelli#Cronotassi dei vescovi|vescovo di Vercelli]].
 
Tra gli alleati sembrapresto nacquero però dei disgudidisguidi che li portarono a combattersi aspramente tra loro stessi. Leone attaccò [[Santhià]], ove risiedeva Guglielmo III, quest'ultimo per vendicarsi dell'attacco del vescovo, assediò [[Vercelli]], che poi venne data alle fiamme. In un trattato di pace tra Guglielmo III e Olderico Manfredi II, venne concessa in moglie la figlia di questi Adelaide al figlio di Guglielmo, [[Enrico del Monferrato|Enrico]].
 
Quando tutti gli alleati si furono appacificati con il [[Sacro Romano Impero]], Guglielmo III continuò a combattere ma le cose per lui si misero evidentemente male: l'imperatore [[Corrado II il Salico]] distrusse la sua fortezza in [[Valle Orba]].
Utente anonimo