Differenze tra le versioni di "Associazione Italiana Arbitri"

Informazione errata corretta
(Informazione errata corretta)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
 
== Avvicendamento ==
L'avvicendamento è una normale pratica dell'associazione per la formazione dell'organico degli [[#Organizzazione|organi tecnici]] all'[[#O.T.P. (ove previsto) e O.T.S.|O.T.S.]], di solito il termine si usa per il "ritorno" dagli [[#Organi Tecnici Nazionali|OO.TT.NN.]] e non dal [[#C.R.A. / O.T.R.|C.R.A.]] all'[[#O.T.P. (ove previsto) e O.T.S.|O.T.S.]]. Con l'avvicendamento, l'arbitro in ruolo all'[[#Organi Tecnici Nazionali|O.T.N.]] acquisisce automaticamente la qualifica di arbitroárbitro fuorieffettivo quadro (se in possesso dei requisiti)speciale, oppure può fare domanda per l'immissione in un altro organo tecnico, sempre secondo le norme di funzionamento. Ad esempio, un arbitro in [[#C.A.N. D|C.A.N. D]] che sia [[#Avvicendamento|avvicendato]], può fare domanda per essere immesso in [[#C.A.N. PRO|C.A.N. PRO]] con il ruolo di assistente arbitrale, oppure tornare all'[[#O.T.P. (ove previsto) e O.T.S.|O.T.S.]] come arbitro effettivo speciale (dunque non più proponibile per il passaggio all'O.T. superiore), o ancora come assistente arbitrale per il [[#C.R.A. / O.T.R.|C.R.A.]] (comunque non più proponibile per la categoria superiore e dopo l'autorizzazione del Comitato Nazionale).
Vi sono due eccezioni a queste regole generali:
* un arbitro a disposizione della [[#C.A.N. B|C.A.N. B]] non può fare domanda per essere ammesso al ruolo di assistente arbitrale in [[#C.A.N. A|C.A.N. A]];
Utente anonimo