Apri il menu principale

Modifiche

citazione enfatica e fuori luogo, solo perché è appena morta. Rimossa
{{citazione|Lei era la [[maggiorata|supermaggiorata]]. Lei era lei. Prodotto made in Italy di una sensualità dirompente, anni Sessanta: schiettamente carnale ma priva di ambiguità; simbolo di un erotismo domestico che si poteva immaginare con i capelli odorosi di ragù, le unghie con lo smalto rossofuoco smangiucchiato dal bucato, lo sguardo rassicurante di una femminilità un po' ottusa che celebra sé stessa.|Maria Stella Conte, giornalista di ''[[La Repubblica (quotidiano)|Repubblica]]''<ref>[http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1992/11/19/sono-cosi-sola.html Isabella Biagini: "SONO COSI' SOLA..." - Archivio Repubblica.it]</ref>}}
{{Bio
| Nome = Isabella