Apri il menu principale

Modifiche

m
 
== Struttura ==
[[File:Tannic acid.png|thumb|upright=1.2|Struttura dell'[[acido tannico]], un tipo di tannino]]I tannini sono [[polifenolo|composti polifenolici]]<ref name=":0">{{Cita web|url=http://www.sapere.it/enciclopedia/tannino.html|titolo=tannino - Sapere.it|autore=Sapere.it|sito=www.sapere.it|lingua=it|accesso=2018-04-18}}</ref> comuni nelle piante vascolari, di cui la più ricca è il castagno europeo ([[Castanea sativa]]) che ne contiene, all'interno dei suoi tessuti, circa il 7% del totale; nelle [[angiosperme]] in particolare sono associati ai tessuti legnosi. Nella [[cellula vegetale]] i tannini sono separati dalle proteine e dagli [[enzimi]] del [[citoplasma]], ma quando avviene una lesione (attacco da parte di erbivori) la reazione tannica può rendere meno assimilabile la pianta per il predatore.
 
Si distinguono due classi di tannini, in funzione della struttura chimica;<ref name=":0" /> le due classi sono distinte dal percorso biosintetico di formazione e dalla [[stereochimica]]{{cn}}:
== Classificazione ==
Si distinguono due classi di tannini, distinte dal percorso biosintetico di formazione e dalla [[stereochimica]]:
 
#'''tannini idrolizzabili''':<ref name=":0" /> Si dividono in gallotannini (esteri dell'[[acido gallico]] e del [[glucosio]]) e in ellagitannini (estere dell'acido esaidrossidifenico e [[glucosio]]). Essi sono facilmente [[idrolisi|idrolizzabili]] da [[Acido|acidi]] deboli, ad alte temperature si decompongono dando [[pirogallolo]], un composto epatotossico e fortemente irritante, e sono ad alto [[peso molecolare]].{{cn}} Per riscaldamento con acidi diluiti si decompongono in zuccheri e acidi fenolici liberi.<ref name=":0" />
#'''tannini''' '''condensati o flavanoli''': non si decompongono per riscaldamento con gli acidi diluiti e sono strutturalmente collegati con le antocianine e le catechine.<ref name=":0" /> Anche i tannini condensati sono diffusi in natura trovandosi nel legno di castagno e in alcuni frutti come le uve nere.<ref name=":0" /> Un termine alternativo è [[proantocianidine]]. A livello biogenetico sono fortemente apparentati ai [[flavonoidi]]. Essi non sono facilmente [[idrolisi|idrolizzabili]], si decompongono in condizioni alcoliche acide dando i pigmenti rossi detti [[flobafeni]], hanno la struttura di un flavan-3-olo [[polimero|polimerico]], contengono da 2 a 8 unità di [[catechina]]. Sono fortemente [[antiossidanti]] e agiscono in maniera sinergica anche con l'[[acido ascorbico]]. Abbassano la [[pressione arteriosa]], riducono l'[[piastrina|aggregazione piastrinica]], possono aiutare a ridurre i rischi di danni alle [[coronarie]] e sono [[antivirali]] e [[antibiotico|antibatterici]]. Le proantocianidine oligomeriche possiedono proprietà antitumorali, sono angioprotettive e prevengono il danno da [[radicali liberi]].{{cn}}
#'''Florotannini''': è una terza classe di tannini, identificata recentemente in molte specie di [[alghe]] brune.
 
38 624

contributi