Apri il menu principale

Modifiche

Il 26 febbraio [[1851]] il re [[Federico Guglielmo IV di Prussia|Federico Guglielmo IV]] introdusse delle decorazioni anche per i "non cristiani": dal momento che alcuni appartenenti all'impero ottomano si erano resi meritevoli di conferimento della decorazione, il sovrano pensò per loro di creare una classe apposita di decorazioni che non avesse forma di croce per rispetto verso le altre religioni.
 
L'Ordine rimase sempre esclusivamente un'onorificenza maschile. L'onorificenza cessò di esistere con il crollo dell'Impero tedesco nel [[1918]]. E recuperato allo scadere dei 100 anni con sentenza del 13 aprile 2018.
 
Come auspicato da '''S.A.R.I. Otto d'Asburgo,''' al termine del lutto per la di Lui scomparsa, S.A.R.I. il Sovrano Gran Maestro dell'Ordine, S.A.R.I. il Principe Anronio Tiberio di Dobrynia, con decreto del 07/02/2013 n.842.02.38, certificato dal notaio Böhm al repertorio notarlite n. 1914 del 7/2/2013, ha decretato di nominare nuovo Gran Maestro del Reale Ordine Nobiliare dei Cavalieri del Sacro Romano Impero, Sua Altezza Serenissima, il principe del Sacro Romano Impero '''don Enrico Maria Giuseppe Giuliano di Sant'Andrea, principe del sacro Romano Impero,''' Duca di Navarra, Marchese di Sant'Andrea, Marchese di Santa Sophia, Conte di San Giovanni d'Acri, Barone di San Lorenzo, Barone di Migliorisi.
 
'''Unternehmenspublikationen - Publications d'entreprises - Pubblicazioni d'imprese'''
 
'''Freitag - Vendredi - Venerdì, 20.04.2018, No 76, Jahrgang - année - anno: 136'''
 
TRIBUNALE NOBILIARE INTERNAZIONALE
 
ORGANO PERMANENTE DELLA
 
CORTE EUROPEA DI GIUSTIZIA ARBITRALE DI LUGANO
 
In data 13.04.2018 il Tribunale Nobiliare Internazionale, Organo permanete della Corte Europea di Giustizia Arbitrale di Lugano, ha pronunciato la seguente sentenza:
 
'''Spetta all’avv. Ilaria Della Vedova, c.f. c.f. DLLLRI73A52H501W:'''
 
-   il titolo di Guardasigilli dei preclari Ordini Cavallereschi di seguito elencati, che Sua Altezza Serenissima il Principe Enrico Giuliano di Sant’Andrea, Sovrano Gran Maestro dell’Ordine dei Cavalieri del Sacro Romano Impero, ha provveduto a riattivare entro i 100 anni dalla loro sospensione delle attività degli Ordini predetti, secondo e nel rispetto della legge degli Ordini e del Diritto nobiliare e cavalleresco i preclari Ordini cavallereschi.
 
1) Ordine al Merito di San Michele (Regno di Baviera, cessato il 1918).
 
'''2) Ordine dell’Aquila Rossa (già Prussia, cessato il 1918), sotto il titolo di San Francesco.'''
 
3) Ordine di Federico (Regno di Wurttemberg, cessato il 1918).
 
4) Ordine di Olga (Regno di Wurttemberg, cessato il 1918).
 
5) Ordine di Carlo Federico (Granducato di Baden, cessato il 1918).
 
6) Ordine di Bertoldo I (Granducato di Baden, cessato il 1918).
 
7) Ordine di Luigi (Granducato d’Assia, caduto in disuso il 1918).
 
8) Ordine al Merito di Pietro Federico Luigi (Granducato di Oldemburg, cessato il 1918).
 
'''9) Ordine del Falco Bianco''' (Ducato di Sassonia-Wermer, cessato il 1918), sotto il titolo di
 
San Sebastiano.
 
10) Ordine di Enrico il Leone (Ducato di Brunswick, cessato il 1918).
 
'''11) Ordine della Croce d’Onore (Principato di Lippe-Detmond, cessato il 1918) sotto il'''
 
'''Titolo di San Sebastiano.'''
 
12) Ordine della Rosa di Lippe per le Arti e Le Scienze (Principato di Lippe-Detmond,
 
cessato il 1918).
 
Ordine di Leopoldo di Lippe (Principato di Lippe-Detmond, cessato il 1918).
 
Sua Altezza Serenissima il Principe del Sacro Romano Impero Enrico Maria Giuseppe
 
Giuliano di Sant’Andrea assume il Gran Magistero dei seguenti Ordini Cavallereschi:
 
'''Ordine dell’Aquila Rossa;'''
 
'''Ordine del Falco Bianco;'''
 
S.A.G. il Principe Enrico Mei ha assunto, per Decreto di S.A.S. Principe Enrico di
 
Sant’Andrea il Gran Magistero dei restanti Ordini Cavallereschi di cui ai nn.
 
1,3,4,5,6,7,8,10.12.
 
Siffatti Ordini Cavallereschi assumono dignità di Ordini Dinastici Non Nazionali.
 
La pubblicazione nel Foglio Ufficiale Svizzero del Registro di Commercio, organo ufficiale della
 
Confederazione Svizzera, a cura dell'ufficio del Presidente della Corte Europea di Giustizia
 
Arbitrale di Lugano, dell'estratto per copia conforme all'originale della sentenza irrevocabile, ex
 
art. 825 de1 codice di procedura civile. L'esecuzione della presente sentenza, avente gli effetti della '''sentenza pronunciata dall'Autorità Giudiziaria della Repubblica Italiana,''' è estesa nel territorio degli Stati aderenti alla Convenzione di New York del 10 giugno 1958 e resa esecutiva in Italia con '''Legge 19-01-1968, n. 62,''' nei modi e nei termini previsti dal diritto internazionale, è a cura e spese della parte interessata. L’eventuale pubblicazione di quanto di cui al precedente punto, sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Lazio, o su altro organo ufficiale competente, è a carico della parte che ne ha interesse.
 
                                               Il Presidente
 
                                                                     Dr. Filippo Maria Di Nisio
 
== Gradi ==
22

contributi