Differenze tra le versioni di "Il battello bianco"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  2 anni fa
ortografia
m (Bot: rimuovo righe e spazi in eccesso (vedi richiesta))
(ortografia)
Piuttosto che affaticarsi ancora attorno al tronco, Momun abbandona Oroskun per andare prima di tutto a prendere il bambino a scuola. Questo è di gran lunga troppo per il collerico Orozkul. In quel momento compaiono improvvisamente dei ''[[Cervus elaphus|maraly]]'', già estinti in quella zona, ritenuti i dicendenti della ''Madre Cerva''. Presumibilmente essi sono fuggiti da un parco naturale nel confinante [[Repubblica Socialista Sovietica del Kazakistan|Kazachstan]]. Orozkul non è commosso dall'apparizione dei rari animali; egli è furibondo col suocero, minaccia di licenziarlo e la sera rispedisce sua moglie alla casa paterna dopo una averla selvaggiamente bastonata. Gli abitanti del posto di guardia incassano. Di ritorno dalla scuola, Momun racconta dei cervi a suo nipote, che ne è entusiasta e crede che la ''Madre cerva dalle ramose corna'' stessa sia tornata, per portare finalmente un figlio a Orozkul, cosa dalla quale tutti troveranno giovamento.
 
Incontra poi egli stesso gli animali, che non mostrano alcun tipo di timore in quanto non si sono mai trovate a tu per tu con un essere umano. Alla sera il bambino è ammalato e con febbre e brividi deve andare a letto senza che nessuno l'accudisca, in qauntoquanto tutti gli altri sono occupati a rabbonire in qualche modo il tirannico Orozkul. Quando il giorno successivo arriva il compratore, tutti gli uomini devono recarsi al fiume per caricare il tronco sul camion. I cervi si ripresentano e tutti restano stupiti. Invece che rallegrarsi per gli animali, come ci si aspetterebbe dalle guardie forestali in una riserva, si pensa già a farli arrosto; d'altronde, già l'atto di taglio degli alberi senza autorizzazione era illegale. Momun è indignato, tuttavia viene costretto a sparare al cervo: un trionfo per Orozkul.
Momun è affranto. Sebbene non vi sia avvezzo, la sera si ubriaca, mentre gli altri si preparano a festeggiare con un lauto pasto. Il bambino si reca alla casa del nonno, nonostante stia sempre peggio. Non capisce che cosa sta succedendo e si meraviglia dell'ebbrezza del nonno; quindi si accorge della testa dal cervo, spiccata dal corpo e vede come il resto dell'animale da lui venerato sia fatto a pezzi dallo zio e dai suoi ospiti; in particolare, Orozkul si accanisce nel tentare di staccare l'impalcatura di corna dal cranio. Il mondo gli crolla addosso. Mentre gli uomini trincano, ridono, divorano e si fanno beffe di Momun, egli abbandona la casa in preda al delirio della febbre, per appartarsi e vomitare; vede allora suo nonno giacere abbandonato nel cortile, e corre al fiume. Egli ritornerà un pesce e fuggirà da questo mondo che l'ha rifiutato. È autunno, e il bambino malato si getta nella gelida acqua che scende dai monti. Con il pensiero "Meglio essere un pesce. Nuoterò via. Meglio essere un pesce" ha fine la sua esistenza.
 
435 976

contributi