Marmo giallo antico: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
(Recupero di 5 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v1.6.2))
Nessun oggetto della modifica
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
[[Immagine:MarmiForoTraianoRoma.jpg|thumb|upright=1.4|Pavimentazione in marmo giallo antico e [[marmo pavonazzetto]] nel [[Foro di Traiano]] a [[Roma]] (esedra dietro il portico orientale).]]
 
Il cosiddetto '''marmo giallo antico''' è una varietà di [[marmo]] utilizzata dai [[Civiltà romana|Romani]]. Il nome moderno corrisponde in [[Lingua latina|latino]] al "''marmor numidicum''" (ossia "marmo della [[Numidia]]").
 
==Descrizione==
Veniva estratto in [[Cava di marmo|cave]] situate presso la città antica di ''Simitthus'', attuale villaggio di [[Chemtou]], in [[Tunisia]].
 
Dal punto di vista [[Petrografia|petrografico]] è un [[calcare]] [[Cristallo|cristallino]] ([[sparite]]), compattato da un'accentuata [[diagenesi]].
 
==Storia==
A partire dalla seconda metà [[II secolo a.C.]] era utilizzato dai [[Re di Numidia|re numidi]]. [[Gaio Plinio Secondo|Plinio]]<ref>[[Gaio Plinio Secondo|Plinio]], ''[[Naturalis Historia]]'', 36, 49.</ref> ne attribuisce l'introduzione a [[Roma]] a [[Marco Emilio Lepido (console 78 a.C.)|Marco Emilio Lepido]] nel [[78 a.C.]], che ne utilizzò dei blocchi per le soglie della sua casa. [[Gaio Svetonio Tranquillo|Svetonio]].<ref>, [[Gaio Svetonio Tranquillo|Svetonio]], ''Vita Iulii'', 85.</ref> riporta che il popolo fece innalzare nel [[Foro romano]] una colonna onorifica di Marmo Numidico dedicata a [[Gaio Giulio Cesare|Cesare]]; [[Gaio Giulio Cesare Ottaviano|Augusto]] lo utilizzò per le colonne del [[peristilio]] della sua casa sul [[Palatino]] insieme al [[marmo portasanta]] e al [[marmo pavonazzetto]] e ne fece inoltre largo utilizzo nel suo [[Foro di Augusto|Foro]].
 
Utente anonimo