Apri il menu principale

Modifiche

m
Bot: niente spazi dopo l'apostrofo e modifiche minori
|}
 
== Produzione ==
L' acido L-(+)-tartarico viene prodotto industrialmente in quantità maggiori. È ottenuto dalla [[Feccia (enologia)|feccia]], un sottoprodotto delle [[Fermentazione|fermentazioni]] vinicole. Il sottoprodotto principale è il [[bitartrato di potassio]], che viene convertito in tartrato di calcio dopo trattamento con [[idrossido di calcio]].<ref name=":0">{{Cita libro|nome=Jean-Maurice|cognome=Kassaian|titolo=Ullmann's Encyclopedia of Industrial Chemistry|url=http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/14356007.a26_163/abstract|accesso=2018-02-17|data=2000|editore=Wiley-VCH Verlag GmbH & Co. KGaA|lingua=en|ISBN=9783527306732|DOI=10.1002/14356007.a26_163}}</ref> Si ottengono maggiori rese di tartrato di calcio con l'aggiunta di [[cloruro di calcio]]. Il tartrato di calcio viene poi convertito in acido tartarico trattando il sale con [[acido solforico]] acquoso.
 
Acido tartarico racemico può essere preparato con reazione a più stadi dall'[[acido maleico]]. Nella prima fase, l'acido maleico viene epossidato dal [[perossido di idrogeno]] utilizzando il tungstato di potassio come catalizzatore.<ref name=":0" />
 
== Derivati ==
I derivati più importanti dell'acido tartarico comprendono i suoi sali, il [[cremor tartaro]] (bitartrato di potassio), il [[sale di Rochelle]] (tartrato di sodio e di potassio, blando [[lassativo]] ) e il tartrato di potassio antimonio.<ref>Zalkin, Allan; Templeton, David H.; Ueki, Tatzuo (1973). "Crystal structure of l-tris(1,10-phenathroline)iron(II) bis(antimony(III) d-tartrate) octahydrate". ''Inorganic Chemistry''. '''12''' (7): 1641–1646. doi:[https://doi.org/10.1021%2Fic50125a033 10.1021/ic50125a033]</ref> <ref>{{Cita pubblicazione|nome=I.|cognome=Haq|data=January 1982|titolo=Hazards of a traditional eye-cosmetic--SURMA|rivista=JPMA. The Journal of the Pakistan Medical Association|volume=32|numero=1|pp=7–8|accesso=2018-02-17|url=https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/6804665|nome2=C.|cognome2=Khan}}</ref><ref>{{Cita pubblicazione|nome=R. I.|cognome=McCallum|data=November 1977|titolo=President's address. Observations upon antimony|rivista=Proceedings of the Royal Society of Medicine|volume=70|numero=11|pp=756–763|accesso=2018-02-17|url=https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/341167}}</ref>
 
== Funzioni e applicazioni ==
{{Portale|chimica}}
 
[[Categoria:acidiAcidi dicarbossilici|Tartarico]]
[[Categoria:antiossidantiAntiossidanti|Tartarico]]
2 762 029

contributi