Apri il menu principale

Modifiche

==Descrizione==
 
Nel pensiero [[marxismo|marxista]], il socialismo e il [[comunismo]] divennero due fasi della [[rivoluzione]]: la fase socialista prevedeva la proprietà collettiva dei mezzi di produzione (e la dittatura del proletariato); poi la fase comunista prevedeva l'abolizione della società di classe e un nuovo concetto di [[Stato]], diverso da quello borghese (contrariamente all'[[anarchismo]], che fin dall'inizio prevedeva una abolizione di qualsiasi organizzazione statale): sebbene abbandonata quasi subito, originariamente nella fase comunista si prevedeva la dissoluzione dello stato perché considerato a quel punto inutile (i beni e [[mezzi di produzione]] erano tornati alla collettività). Oggi, data l'evoluzione dei tempi, le due fasi vanno a coincidere (dunque si può parlare di un sostanziale ritorno dei due termini come sinonimi, usando anche il termine socialismo con un'accezione più ampia).
 
Contemporaneamente si sviluppava un'altra forma di dottrina di analoga matrice socialista: l'[[anarchismo]], un'ipotesi di organizzazione i cui obbiettivi egualitari in termini economici sociali e civili venissero fondati sull'autonomia e la libertà degli individui, contrapponendosi ad ogni forma di potere costituito compreso quello statale. Tale dottrina, prendendo le mosse dal pensiero dell'illuminista [[William Godwin]], si concretizzava nelle teorie di [[Pierre-Joseph Proudhon]], fin dagli esordi in polemica con Marx. Lo scontro divampò progressivamente nel corso del secolo, e ulteriormente all'interno dell'[[Associazione internazionale dei lavoratori]] (Prima Internazionale), portando tra il [[1871]] e il [[1872]] ad una prima scissione, concretizzata nel 1896. Nel XX secolo marxisti e anarchici si troveranno spesso a condividere e combattere insieme nelle fasi iniziali dei moti rivoluzionari di ispirazione socialista come la [[Guerra civile spagnola]] o la [[Rivoluzione d'ottobre]] russa, giungendo in fasi successive a scontri e repressioni da parte delle fazioni marxiste verso i socialisti libertari ([[Rivoluzione anarchica spagnola]], [[Rivolta di Kronštadt]], [[Machnovščina|Insurrezione rivoluzionaria d'Ucraina]], eccetera). Il filone, nel tempo, si è suddiviso in aree con diverse connotazioni, fondendo temi propri di varie ispirazioni, originando [[Socialismo libertario]], [[Anarco-comunismo]], [[Anarco-sindacalismo]], eccetera.
 
In ogni modo, il termine ''comunismo'' continuò a essere un sinonimo di ''socialismo'' per tutto l'[[XIX secolo|Ottocento]]: i partiti che prendevano parte alla [[Seconda Internazionale]], tutti definitivamente di ispirazione marxista dopo il IV Congresso di Londra del 1896 , venivano denominati ''socialisti'' o ''socialdemocratici''.
 
La separazione dei termini comunismo e socialismo, in area marxista, avvenne per iniziativa di [[Lenin]]: con la [[Rivoluzione d'ottobre|rivoluzione bolscevica]] ([[1917]]) e la costituzione dell'[[Internazionale Comunista]] o Terza internazionale ([[1919]]) l'ala rivoluzionaria del socialismo si distaccò organizzandosi nei [[partito comunista|partiti comunisti]], mentre i partiti socialisti, ormai orientati in senso riformista e inseriti nei sistemi democratico-borghesi dei diversi paesi, per lo più presero gradualmente le distanze dal [[marxismo]], e in ogni caso dal leninismo ([[Anti-leninismo|anti -leninisti]]) e recuperarono le istanze liberali dell'[[Socialismo utopistico|utopismo socialista]] pre-marxista, dando vita al [[socialismo democratico]], alla [[socialdemocrazia]] e al [[socialismo liberale]]. In seguito, entro la fine del [[XX secolo]], anche i più grandi partiti comunisti, spesso altrettanto orientati in senso riformista e altrettanto inseriti nei sistemi democratico-borghesi, in particolare nei paesi europei o comunque [[Civiltà occidentale|occidentali]], per lo più presero gradualmente le distanze dal marxismo inteso nell'originale senso rivoluzionario, senza che venissero meno idee come il [[Socialismosocialismo rivoluzionario]] e il [[massimalismo (politica)|massimalismo]].
 
Il socialismo, nel tempo, si è diviso ed ha fuso il pensiero socialista con altre connotazioni politiche. I principali esempi di queste sintetizzazioni sono il [[Socialismosocialismo cristiano]], l'[[Ecosocialismoecosocialismo]], il [[Socialismosocialismo nazionale]], il [[Socialismosocialismo libertario]], il [[Socialismosocialismo liberale]], il [[Socialismosocialismo democratico]] ed il [[Socialismosocialismo del XXI secolo]].
 
== Sviluppi e ideologie ==
Utente anonimo