Differenze tra le versioni di "Area naturale Baia di Ieranto"

A Ieranto si concentra una grande varietà faunistica, terrestre e marina. Insieme a [[Area naturale marina protetta Punta Campanella|Punta Campanella]], la Baia è posta sulle rotte migratorie di molti uccelli e, infatti, sono oltre 100 le specie ornitologiche censite, la maggior parte delle quali di passo.
 
Fra le specie stanziali, ossia presenti tutto l'anno e nidificanti sulle rocce a strapiombo, domina il gabbiano reale (''[[Larus cachinnans]]''), il passero solitario (''[[Monticola solitarius]]''), il gheppio (''[[Falco tinnunculus]]'') e il pellegrino (''[[Falco peregrinus]]''). Quest'ultimo rapace si riproduce proprio nel momento di arrivo delle quaglie (''[[Coturnix coturnix]]''). Non è raro vedere volteggiare alcuni corvi imperiali (''[[Corvus corax]]'') e la poiana (''[[Buteo buteo]]'') che nidificano in altre aree della Penisola Sorrentina. Stanziali sono anche molti passeriformi legati alla macchia mediterranea, come l'occhiocotto (''[[Sylvia melanocephala]]'') che vive tra i cespugli, la [[Sylvia atricapilla|capinera]] (''[[Sylvia atricapilla]]''), la cinciarella (''[[Cyanistes caeruleus|Parurs caeruleus]]''), la [[Parus major|cinciallegra]] (''[[Parus major]]''), lo [[Troglodytes|scricciolo]] (''[[Troglodytes troglodytes]]''). Molto frequente è la possibilità di scorgere molti cardellini (''[[Carduelis carduelis]]''), [[Turdus merula|merli]] (''Turdus merula'') e soprattutto [[fringilla coelebs|fringuelli]] (''Fringilla coelebs'').
 
Molto frequente è la possibilità di scorgere molti cardellini (''[[Carduelis carduelis]]''), [[Turdus merula|merli]] (''Turdus merula'') e soprattutto [[fringilla coelebs|fringuelli]] (''Fringilla coelebs'').
In inverno e durante i passi migratori primaverile e autunnale arrivano [[Erithacus rubecula|pettirossi]] (''Erithacus rubecola''), passere scopaiole (''[[Prunella modularis]]''), [[Phoenicurus phoenicurus|codirossi]] (''Phoenicurus phoenicurus'' e ''P. ochuros''), lui piccoli (''[[Phylloscopus collybita]]''), [[alauda arvensis|allodole]] (''Alauda arvensis''), [[Larinae|gabbiani]] comuni (''Larus melanocephalus''). Sempre in questo periodo e possibile osservare il [[lodolaio]] (''Falco subbuteo'') e il falco pecchiaiolo (''[[Pernis apivorus]]'') tra i [[rapace|rapaci]]. Sulla linea di contatto terra-mare è possibile scorgere i voli radenti del [[Alcedo atthis|martin pescatore]] (''Alcedo attis'').
 
I mammiferi sono, in genere, più difficili da osservare, soprattutto di giorno. Sono presenti una decina di specie fra cui la [[volpe]] (''Vulpes volpes''), la [[lepus (genere)|lepre]] (''Lepus capensis''), la [[Mustela nivalis|donnola]] (''Mustela nivalis''), l'[[arvicolinae|arvicola]] (''Arvicolinae''), il [[Erinaceus europaeus|riccio]] (''Erinaceurs europaes'').
Fra i rettili, comuni sono la [[Podarcis siculus|lucertola campestre]] e la [[Podarcis muralis|lucertola muraiola]], mentre il [[Hierophis viridiflavus|biacco]] è un serpente ingiustamente temuto.
Utente anonimo