Predella: differenze tra le versioni

5 byte rimossi ,  15 anni fa
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
[[Image:Santa Felicita, Neri di Bicci, Santa Felicita e i suoi sette figli, con predella (1464).JPG|thumb|250px|Esempio di un'opera con predella: ''Santa Felicita e i suoi sette figli'' ([[1464]]), [[Neri di Bicci]], sagrestia di [[chiesa di Santa Felicita|Santa Felicita]], [[Firenze]]]]
La '''predella''' è una fascia dipinta divisa in più riquadri che di solito faceva da corredo alle pale d'altare dipinte su [[pittuarpittura su tavola|legno]].
 
La sua funzione era da un lato quella di coprire lo [[zoccolo (architettura)|zoccolo]] inefrire della cornice, dall'altro di corredate di scene accessorie la pittura principale.
Con il frequente smembramento e dispersione dei polittici tre-quattrocenteschi la predella era uno degli elementi che più facilmente veniva staccato, magari diviso e alienato.
 
Tra le predelle più famose c'è quella con le ''Storie di San Giuliano'' dipinta da [[Masaccio]] nel [[1423]], di straordinaria vitalità espressiva.
 
{{pittura}}
258 549

contributi