Differenze tra le versioni di "Giuseppe Tartaro"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  3 anni fa
nessun oggetto della modifica
(→‎top: +O using AWB)
 
Il 6 gennaio [[1820]] Giuseppe Tartaro partì da [[Malta]] per [[Trieste]] con un carico di 150 copie della ''Bibbia'' stampata da Masi<ref>Giovanni Carrari, ''Protestantesimo a Trieste: dal 1700 al 2000'', Trieste: LINT, 2002, ''ad indicem'', ISBN 88-8190-179-X ([http://books.google.it/books?id=K33ZAAAAMAAJ&q=B%26FBS&dq=B%26FBS&hl=it&ei=O22ZTunkDs2f-wbIirWtAQ&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=5&ved=0CFIQ6AEwBA Google libri]</ref>. Nell'aprile dello stesso Tartaro si recò a [[Milano]] dove strinse contatti con [[Federico Confalonieri]]; i trascorsi giacobini e massonici di Tartaro fecero sì che, dopo l'arresto del Confalonieri ([[1821]]), le indagini della polizia austriaca si incentrassero anche su di lui. Pertanto Tartaro fu nuovamente arrestato e interrogato dal conte [[Luigi Bolza|Bolza]]<ref>Rassegna storica del Risorgimento: organo della Società nazionale per la storia del Risorgimento italiano, Volume 41 ([http://books.google.it/books?id=x_biAAAAMAAJ&q=suo+agente+calabrese+Giuseppe+Tartaro+processato+a+Napoli+nel+1817+per+sospetto+di+carboneria+arrestato+a+Firenze+...+che+fu+a+Firenze+e+Milano+nel+1820+e+strinse+con+il+Confalonieri+vincoli+di+amicizia&dq=suo+agente+calabrese+Giuseppe+Tartaro+processato+a+Napoli+nel+1817+per+sospetto+di+carboneria+arrestato+a+Firenze+...+che+fu+a+Firenze+e+Milano+nel+1820+e+strinse+con+il+Confalonieri+vincoli+di+amicizia&hl=it&ei=5YSZTt3dD8Tt-gbNqLnFBQ&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=1&ved=0CDAQ6AEwAA Google libri])</ref><ref>F. Confalonieri,F. Salata, ''I costituti di Federico Confalonieri'',Volumi 1-2, N. Zanichelli, 1956 ([http://books.google.it/books?id=dvPeAAAAMAAJ&q=giuseppe+tartaro&dq=giuseppe+tartaro&hl=it&ei=5jFiTo_TNozc4QSVu9StCg&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=1&ved=0CCsQ6AEwAA on line]).</ref>. Nel frattempo le truppe austriache guidate dal generale [[Johann Maria Philipp Frimont|Frimont]] avevano invaso il [[Regno delle Due Sicilie]] mettendo fine all'effimero periodo liberale. Poco tempo dopo l'arresto di Tartaro a Milano, il [[quacchero]] [[William Allen (cardinale)|William Allen]] (1770–1843) riferisce che Tartaro era imprigionato a [[Napoli]] per aver distribuito dei testi religiosi<ref>''Life of William Allen, with selections from his correspondence'', London: Charles Gilpin, 1846, Vol. II, p. 277 ([http://books.google.it/books?id=6UgEAAAAQAAJ&pg=PA277&dq=Tartaro+Naples Google libri])</ref>.
 
Le disavventure giudiziarie del BarbaroTartaro erano evidentemente legate alla fede protestante, più che alla militanza politica{{Citazione necessaria}}. Quest'ultima diede tuttavia l'occasione a [[Klemens von Metternich|Metternich]] e al cardinal [[Ercole Consalvi|Consalvi]] di accusare le società bibliche di connivenza con la [[massoneria]] e le [[società segrete]]<ref>Giorgio Spini, ''Risorgimento e protestanti'', Milano: Il Saggiatore, 1989, p. 100</ref>.
 
== Note ==
Utente anonimo