Integrazione (scienze sociali): differenze tra le versioni

m
rb completo
m (Annullate le modifiche di 79.60.43.4 (discussione), riportata alla versione precedente di 93.34.68.168)
Etichetta: Rollback
m (rb completo)
Nelle [[scienze sociali]], il termine '''integrazione''' indica l'insieme di processi sociali e [[cultura]]li che rendono l'[[individuo]] membro di una [[società (sociologia)|società]]. L'integrazione dipende anche dalla capacità di socializzazione di ogni individuo.
Integrazione significa unione. Rafael a vacc j'amm ja
 
== Origine ==
 
== Carenza di integrazione ==
Le situazioni di carenza o mancanza di integrazione sono definite, da Durkheim, di [[anomia]], fenomeno consistente nel declino che può sfociare nella scomparsa di regole morali generalmente accettate, causato da un mutamento nelle condizioni materiali di esistenza di determinati [[gruppo sociale|gruppi sociali]] cui non corrisponde, o corrisponde in modo non esaustivo, un cambiamento normativo che le sancisca da un punto di vista culturale.<br>
Durkheim include tra le circostanze potenzialmente responsabili del verificarsi di situazioni anomiche i momenti di "effervescenza collettiva", in cui la produzione culturale di una società aumenta di intensità e di problematicità, con fenomeni quali l'emersione di nuove tendenze religiose, nuove "visioni del mondo" che possono sfociare nella formazione di movimenti sociali e politici, esigenze di senso inedite. Questi processi, latori nel breve periodo di situazioni di anomia e conseguente instabilità sociale, possono essere soggetti ad [[istituzionalizzazione]] attraverso un processo di generalizzazione, codificazione ed accettazione delle loro istanze, che vengono acquisite dal senso comune e si integrano nelle dinamiche di integrazione sociale descritte in precedenza.
 
279 189

contributi