Libere (film): differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
(Spostamento paragrafi)
Nessun oggetto della modifica
|sito = Lab80Film
|data = aprile 2017
}}</ref>}}
 
Nel dopoguerra tutte le speranze furono infrante, e non si tradussero in azioni concrete, anzi le loro voci testimoniano delusione e un ritorno alla dimensione privata, tornando a fare le casalinghe e lasciare il lavoro. La delusione è forte, soprattutto perché rimane inatteso il "''Programma dei ''[[Gruppi di difesa della donna]] e per l’assistenza ai combattenti della Libertà''", il documento programmatico che aveva guidatoispirato le partigiane. Nell’ultimo punto del documento, riportato integralmente nel film, si legge: “le donne di ogni fede religiosa, tendenza politica, donne senza partito chiedono la possibilità di accedere a qualsiasi impiego. Unico criterio: il merito” <ref>http://espresso.repubblica.it/visioni/cultura/2017/04/18/news/la-resistenza-delle-donne-dalla-nascita-del-femminismo-ad-un-dopoguerra-che-non-mantiene-le-promesse-1.299705</ref>
 
La svolta sembrò arrivare nel 1946 quando ottennero il diritto al voto, ma questo determinò solamente un piccolo cambiamento nella loro vita politica e sociale.<ref>www.sentieriselvaggi.it/libere-di-rossella-schillaci/</ref>
 
== Produzione ==
Il film è stato costruito attraverso un montaggio che alterna le registrazioni sonore delle testimoni, realizzate a partire dalla fine degli anni 80, a fotografie di diverse tipologie di documenti e delle stesse testimoni, a sequenze di film amatoriali, documentari e cinegiornali. Tra tutte le testimonianze raccolte sono state selezionate quelle di alcune partigiane: [[Lia Corinaldi]], [[Giuliana Gadola Beltrami]], [[Bianca Guidetti Serra]], [[Alda Frascarolo]], [[Bianco, Lucia]], [[Boetto Testori]], [[Anna Cherchi Ferrari]], [[Joyce Lussu]], [[Marisa Sacco]], [[Maria Airaudo]], [[Carmen Nanotti]], [[Carla Dappiano]], [[Marisa Rodano]].<ref>/www.imdb.com/title/tt6837882/</ref> Il racconto storico si alterna con scene ambientate ai giorni nostri in cui viene mostrato l’archivio dell’ANCR e il patrimonio che conserva <ref> http://www.artspecialday.com/9art/2017/04/17/libere-docufilm-resistenza-donne/</ref>
 
La scelta della regista è stata quella di non inserire il volto delle donne intervistate per rendere al meglio l’idea di lotta combattuta da giovani. Questa strategia narrativa permette di identificarsi con le protagoniste della vicenda.
== Collegamenti esterni ==
 
*            http://www.{{imdb.com/title/|tt6837882/ consultato il 20 aprilemaggio 2018}}
*            http://www.lab80.it/pagine/libere-filmdoc consultato il 20 aprile 2018
*            http://www.sentieriselvaggi.it/libere-di-rossella-schillaci&#x20;/ consultato il 20 aprile 2018
Utente anonimo