Papa Vitaliano: differenze tra le versioni

m (Annullate le modifiche di 62.28.64.102 (discussione), riportata alla versione precedente di K.Weise)
Etichetta: Rollback
La consacrazione pontificale avvenne meno di due mesi dopo la morte del [[papa Eugenio I|predecessore]], e tanta celerità nel far giungere da [[Costantinopoli]] l'approvazione imperiale rappresentò un segnale della volontà di riconciliazione dell'imperatore [[Costante II]] con la Chiesa di Roma. E infatti, nella controversia [[Monotelismo|monotelita]] che imperversava all'epoca, Vitaliano agì con riserva, trattenendosi dall'esprimere apertamente la condanna per il ''[[Typos]]'', l'editto emanato nel [[648]] direttamente da Costante II e già condannato da [[papa Martino I]].
 
L'episodio principale del suo pontificato, peraltro privo di eventi di rilievo, fu la visita dell'imperatore a Roma, probabilmente proprio per rinsaldare i rinnovati buoni rapporti. Il Papa lo ricevette "con onori quasi religiosi", una deferenza che venne però ripagata con il prelievo indisturbato di tutti gli ornamenti pagani non ancora depredati dai vari conquistatori della città, e soprattutto delle tegole in [[bronzo]] dorato della cupola del [[Pantheon (Roma)|Pantheon]] (già consacrato chiesa cristiana). Il tutto fu inviato a [[Costantinopoli]]. Il soggiorno di Costante II è ricordato anche per essere stata l'ultima visita di un imperatore romano nella "Città Eterna"<ref>[[Georg Ostrogorsky]], ''Storia dell'Impero bizantino'', Torino, Einaudi, 1968, pag. 107.</ref>.
 
Nel [[666]] Costante II proclamò l'autonomia della Chiesa di [[Ravenna]] da quella di Roma, creando una sorta di scisma. Il locale arcivescovo, immediatamente [[scomunica]]to, ignorò l'anatema e scomunicò a sua volta Vitaliano. Due anni dopo Costante II morì assassinato in [[Sicilia]], e il papa si prodigò affinché sul trono di Costantinopoli salisse, al posto dell'armeno Mezezio, usurpatore eletto dall'esercito, il figlio e legittimo erede di [[Costante II|Costante]], [[Costantino IV]] "Pogonato" il quale, ottenuto effettivamente il trono, mostrò ampia gratitudine nei confronti del papato, rinunciando ad esempio all'imposizione del ''[[Typos]]'' e consentendo così a Vitaliano di opporvisi con più efficacia. Impegnato però a bloccare le conquiste arabe, non poté per il momento occuparsi oltre delle cose italiane.