Differenze tra le versioni di "Febbre da cavallo"

Varie
(Varie)
(Varie)
La [[sceneggiatura]] venne ideata da Massimo Patrizi con la collaborazione di [[Alfredo Giannetti]] e fu poi rimaneggiata in fase di [[pre-produzione]]; i protagonisti principali sono tre amici con la passione per le scommesse [[Ippica|ippiche]] costretti a inventare stratagemmi e raggiri di ogni genere per raggranellare il [[denaro]] necessario per sovvenzionare la loro costosa e fallimentare passione.
 
La sfortuna e la loro atavica imperizia li poratano ad indebitarsi al punto da doversi inventare una grossa quanto aassurdaassurda truffa per truccare una corsa.<ref name="Tgcom24" /><ref name="Vesigna" /> Febbre del gioco, ossessione della scommessa e della fortuna, in una Roma un po' scalcagnata e fumettistica popolata da figure goliardiche, che si alleano per non deprimersi.<ref>[https://www.amazon.it/Febbre-Cavallo-Dvd-Gigi-Proietti/dp/B000CCQTFQ Amazon - Febbre da cavallo DVD]</ref>
 
Dopo aver ottenuto tiepidi incassi nelle sale, all'epoca della sua uscita, i molteplici passaggi [[Televisione|televisivi]], in particolare sulle [[Televisioni locali|TV locali]] [[roma]]ne, lo hanno nel tempo rilanciato,<ref name="Vesigna">{{cita news|autore=Gigi Vesigna|url=http://www.stpauls.it/fc08/0843fc/0843fc88.htm|titolo=Il ritorno di Mandrake|pubblicazione=Famiglia Cristiana|numero=43|data=26 ottobre 2008}}</ref><ref name="Pasquini">{{cita web|autore=Mattia Pasquini|url=http://www.film.it/news/film/dettaglio/art/i-primi-quarantanni-di-febbre-da-cavallo-mito-nato-in-televisione-45258/|titolo=I primi quarant'anni di Febbre da cavallo, mito nato in televisione|sito=film.it|data=13 marzo 2016}}</ref><ref name="Mandrake">{{cita web|url=http://www1.adnkronos.com/Archivio/AdnAgenzia/2002/05/18/Spettacolo/Cinema/CINEMA-GIGI-PROIETTI-TORNO-AL-CINEMA-SOLO-PER-MANDRAKE_152400.php|titolo=Cinema: Gigi Proietti, torno al cinema solo per 'Mandrake'|sito=adnkronos.com|data=18 maggio 2002}}</ref> fino a farne un [[film di culto]]<ref name="Tgcom24" /> per appassionati della commedia leggera all'italiana e per frequentatori più o meno assidui di sale scommesse e [[Ippodromo|ippodromi]].
La pellicola ha generato gag e [[film comico|scene comiche]] rimaste nell'immaginario collettivo, prima fra tutte quella della sfortunata "[[Corsa Tris|tris]]" denominata ''Soldatino, King e D'Artagnan''.<ref name="Pasquini" />
 
Nel 2002 è stato girato un [[sequel]], ''[[Febbre da cavallo - La mandrakata]]'', diretto da [[Carlo Vanzina]] e con Proietti e Montesano a riprendere i loropropri ruoli; nel 2010 il film è stato ripresentato alla [[67ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia]].<ref name="Penco">{{cita web|autore=Cristina Penco|url=http://www.bestmovie.it/news/mostra-di-venezia-retrospettiva-dedicata-al-cinema-comico-italiano/42779/|titolo=Mostra di Venezia, retrospettiva dedicata al cinema comico italiano|sito=bestmovie.it|data=16 luglio 2010}}</ref>
 
== Trama ==
 
== Protagonisti ==
* Bruno Fioretti detto ''Mandrake'' (per via delle sue «innate doti trasformistiche» e per il «sorriso magico») si definisce [[attore]] ma si arrangia facendo talvolta l'indossatore. Riesce a sbarcare il lunario principalmente facendosi mantenere da Gabriella (la sua fidanzata, e proprietaria di un bar) che mal sopporta la sua passione per i cavalli.
* Armando Pellicci detto ''er Pomata'' (per via dell'abbondante [[brillantina]] nei capelli) è un ex ''[[Driver (ippica)|driver]]'',<ref>I cavalli al trotto sono guidati infatti dai ''[[Driver (ippica)|driver]]'', perché guidano il cavallo sopra un [[sulky]]. Al galoppo invece abbiamo i [[Fantino|fantini]], che guidano il cavallo direttamente stando in sella.</ref> ora disoccupato, che vive sulle spalle della sorella Giuliana e dell'anziana nonna. Fumatore accanito, Pomata è il "tecnico ippico" del gruppo: conosce infatti a memoria tutti i cavalli e fantini immaginabili e si definisce «computer equino», anche se questa peculiarità non lo aiuta a indovinare alcuna scommessa.
* Felice: è un parcheggiatore con poca iniziativa che fa da spalla ai suoi due amici, Pomata e Mandrake.; Aa causa delle continue scorribande dei tre protagonisti, Felice finisce sempre per fare tardi al cambio di turno al lavoro, attirandosi così ogni volta le ire del suo collega [[Sardegna|sardo]].
* Gabriella: è la fidanzata di Mandrake e non sopporta il passatempo (e le perdite) del compagno; possiede un [[Bar (pubblico esercizio)|bar]], che è la fonte primaria di "sostentamento" dello stesso Mandrake. Alla fine delle numerose vicende riuscirà finalmente a farsi sposare da MandrakeBruno, accettandoaccettandone la sua passione per il gioco.
* Giuliana: è la sorella di Pomata; lavora in [[banca]] ed è costretta a mantenere il fratello nullafacente e l'anziana nonna. Soprannominata ''Tornado, il vento che uccide'' a causa del suo terribile alito, nessun uomo riesce ad avvicinarsi a lei, condannandola così a rimanere zitella in eterno.<ref>L'attrice che interpreta Giuliana, [[Marina Confalone]], interpreterà anche il ruolo della sorella di [[Alberto Sordi]] ne ''[[Il marchese del Grillo]]'' e, curiosamente, anche in quella circostanza il suo personaggio soffre di una terribile [[alitosi]].</ref>
* Mafalda: è un'amica di Mandrake, anche lei indossatrice, maanche se il suo vero mestiere è quello delladi [[Prostituzione|prostituta]]. ÈSarà lei a trattenere l'imbattibile ''driver'' Jean-Louis Rossini durante la "mandrakata" finale al Gran Premio degli Assi.
* Spartaco detto ''Er Ventresca'' è (insieme a ''Bellicapelli'' e ''Er Roscio'') uno dei più assidui creditori di Pomata, visto che da ben cinque anni aspetta di riavere indietro 300.000trecentomila lire. Uomo corpulento e manesco, Ventresca, che ha ormai perso la pazienza, da un po' di tempo staziona davanti al portone del palazzo dove abita Pomata per reclamare il proprio denaro o – quantomeno – picchiare il debitore; Pomata, per sfuggire alle sue grinfie, è costretto a inventarsi sempre nuovi stratagemmi per uscire e rientrare a casa senza subiresubirne l'aggressione del creditore.
* Otello Rinaldi detto ''Manzotin'' è un macellaio, nonché «il burino più infame di tutti i burini». Anche lui assiduo frequentatore degli ippodromi, è la vittima preferita delle piccole truffe di Mandrake, Pomata e Felice. Complice l'ingenuità di suo figlio, Manzotin diventa il protagonista di una storica "mandrakata".
* L'avvocato De Marchis: in realtà non un vero avvocato, è anche lui (come Mandrake, Pomata e Felice) un appassionato di cavalli; sposato, riesce a frequentare le tribune vip degli ippodromi grazie al fatto di possedere una piccola scuderia per la quale corre un solo cavallo, Soldatino., Ii cui continui insuccessi di Soldatino lo hanno portato ad accumulare una serie infinita di debiti.
* Il conte Dallara: è l'antagonista dell'avvocato De Marchis: è infatti il proprietario dell'omonima e quotata scuderia per la quale corre Bernadette, cavalla che, al contrario di Soldatino, è sempre vincente.
* Jean-Louis Rossini: è l'imbattibile ''driver'' italo-francese che il Conte Dallara, preoccupato dai recenti ''exploit'' di Soldatino, ingaggia per guidare la sua Bernadette nel Gran Premio degli Assi. Il grande guidatore è poi a sua volta vittima della "mandrakata" organizzata da Mandrake, Pomata, Felice e dall'avvocato De Marchis ai danni di Bernadette al Gran Premio: Jean-Louis viene prelevato da Pomata che, spacciandosi per un commissario di Polizia incaricato di proteggerlo da sedicenti rapitori, lo conduce in un alberghetto di periferia dove viene "tenuto a bada" da Mafalda, allo scopo di impedirne la partecipazione al Gran Premio degli Assi.
7 037

contributi