Differenze tra le versioni di "Heruli"

156 byte rimossi ,  1 anno fa
m
Conversione url nudo in cita web, formattazioni nei Cita, fix sezioni e template di compatibilità, fix minori. Vedi PU per dettagli
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica visuale
m (Conversione url nudo in cita web, formattazioni nei Cita, fix sezioni e template di compatibilità, fix minori. Vedi PU per dettagli)
Nel [[365]], quando l'imperatore [[Valentiniano I|Valentina I]](364-375) dovette affrontare l'invasione dei Germani, accadde che quelle popolazioni riuscirono a sottrarre il vessillo ai ''[[Batavi (legione romana)|Batavi]]'' e agli ''Heruli'', che vennero fatti oggetto di scherno dagli incursori.<ref>Ammiano Marcellino, xxvii.1.5.</ref>
 
In occasione della rivolta britannica contro [[Valentiniano I]] sedata nel 367-369 dal ''[[comes]]'' [[Conte Teodosio|Teodosio]] e nota come [[Grande Cospirazione]], le due unità vennero inviate nuovamente in Britannia assieme agli ''[[Iovii]]'' e ai ''[[Victores]]''.<ref>Esmonde Cleary, A. Simon, ''The Ending of Roman Britain'', Routledge, 2000, ISBN 0-415-23898-6, pp. 44-45.</ref>
 
La ''[[Notitia dignitatum]]'', un documento redatto negli [[anni 400]]-[[anni 420|420]], riporta gli ''Heruli seniores'' come una unità di ''[[auxilia palatina]]'' sotto il comando del ''[[magister peditum]]'' per l'Italia.<ref>''Notitia dignitatum'', [[s:la:Notitia dignitatum partibus occidentis - I IX#V|''par. occ.'', V]].</ref>
 
== Note ==
<references />
<div class="references-small" style="-moz-column-count: 2; column-count: 2;"><references/></div>
 
== Bibliografia ==
=== Fonti primarie ===
 
<div class="references-small">
* [[Ammiano Marcellino]], ''Res Gestae Libri XXXI''
* ''[[Notitia Dignitatum]]''
 
</div>
=== Fonti secondarie ===
 
<div class="references-small">
* {{Cita libro |cognome=MacDowall |nome=Simon |titolo=Late Roman Infantryman 236-565 Ad |anno=1994 |editore=Osprey Publishing |isbn=1-85532-419-9 }}
</div>
 
{{Portale|Esercito romano}}
490 467

contributi