Differenze tra le versioni di "Pierre Carniti"

dettaglio e fonte
(fonte)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
(dettaglio e fonte)
|didascalia = Pierre Carniti (a destra) con [[Bruno Trentin]] durante le trattative per il contratto dei metalmeccanici, 1972
|carica = Segretario Generale della [[Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori|CISL]]
|mandatoinizio = 2 maggio [[1979]]
|mandatofine = 6 febbraio [[1985]]
|predecessore = [[Luigi Macario]]
 
Nel [[1965]] entra nella segreteria nazionale della FIM-CISL, che allora ha la sua sede a Milano. Ne diviene segretario generale nel [[1970]]. Nel frattempo la FIM-CISL trasferisce la sua sede a [[Roma]], dove dà il via all'esperienza unitaria con [[Federazione Impiegati Operai Metallurgici|FIOM-CGIL]] e [[Unione italiana lavoratori metalmeccanici|UILM]] nella [[Federazione lavoratori metalmeccanici]] (FLM).
Nel [[1974]] entra nella segreteria nazionale della [[Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori|CISL]], divenendo, insieme a [[Luigi Macario]], leader della componente che vincerà il congresso del [[1977]]: Macario è eletto segretario generale e Carniti segretario generale aggiunto. Dal [[1979]]<ref>{{Cita web|lingua=|autore=|titolo=In Cisl Carniti subentra a Macario|url=http://www.cinquantamila.it/storyTellerArticolo.php?storyId=58d67775ba430|pubblicazione=cinquantamila.it|}}</ref> al [[1985]] è segretario generale della CISL. In quegli anni sarà il più tenace sostenitore dell'"accordo di San Valentino" (14 febbraio [[1984]]) sulla scala mobile, in dissenso con la [[Confederazione Generale Italiana del Lavoro|CGIL]].
 
Ciò portò ad una profonda divisione tra le organizzazioni sindacali, che si manifestò nel [[Referendum abrogativo del 1985 in Italia]], promosso dal [[Partito Comunista Italiano]] e sostenuto dalla [[Confederazione Generale Italiana del Lavoro|CGIL]]. Consulente economico di Carniti fu l'economista del lavoro [[Ezio Tarantelli]], ucciso, pochi giorni prima del referendum, dalle [[Brigate Rosse]]. Nel [[1985]] lascia la CISL, dopo il vittorioso referendum sulla scala mobile che conferma il decreto uscito dall'accordo di San Valentino.