Differenze tra le versioni di "Pietro Sette"

100 byte aggiunti ,  2 anni fa
nessun oggetto della modifica
|Attività = dirigente d'azienda
|Nazionalità = italiano
|PostNazionalità = , con una particolare presenza nelle [[Partecipazioni statali]], essendo stato presidente dell'[[EFIM]] dal [[1962]] al [[1975]], dell'[[ENIEni]] dal [[1975]] al [[1979]] e dell'[[IRI]] dal [[1979]] al [[1982]]
}}
 
== Biografia ==
In gioventù [[terzino]] del {{Calcio Bari|N}}, si laureò il 5/11/ novembre 1937 in [[Giurisprudenza il 5/11/1937|Giurisprudenza]], specializzandosi in [[diritto commerciale]], con particolare attenzione al diritto societario. Politicamente vicino alla [[Democrazia Cristiana]], fu amico personale di [[Aldo Moro]]. Fino al [[1950]] si dedicò alla carriera universitaria, interessandosi nel dopoguerra ai problemi di riconversione dell'industria bellica. Nel 1950 fu nominato commissario della [[Società Italiana Ernesto Breda per Costruzioni Meccaniche|Breda]], dove intervenne decidendo la chiusura della sezione aeronautica e traghettando l'azienda al nuovo ente statale [[Ente partecipazioni e finanziamento industrie manifatturiere|EFIM]]. Fu presidente della [[Società Minerariamineraria Carboniferacarbonifera Sardasarda|Carbosarda]], altra azienda che entrò a far parte dell'EFIM, alla cui presidenza Sette fu nominato nel [[1962]] e dove rimase fino al [[1975]]. Dal [[1959]] al [[1974]] fu membro del [[Consiglioconsiglio di Amministrazioneamministrazione]] dell'[[ENIEni]], dove si adoperò nelle trattative per gli accordi commerciali conclusi con l'[[Iran]].
 
Nel [[1975]] fu nominato presidente dell'ENI, in un periodo delicato per l'azienda, che si concluse con il dispendioso salvataggio [[Ente gestione attività minerarie|EGAM]]. Sette fu particolarmente prudente ed attento agli equilibri di potere, cercando di gestire i contrasti che emergevano all'interno della dirigenza ENI. Nel gennaio [[1979]] sostituì [[Giuseppe Petrilli]] alla presidenza dell'[[IRI]], dove contribuì alla riflessione sulle pratiche di gestione che avevano portato l'Istituto ad accumulare una pesante situazione debitoria ed a richiedere allo Stato fondi per ripianare le perdite; nel settembre [[1982]] fu sostituito nell'incarico da [[Romano Prodi]].
 
Nel gennaio [[1979]] sostituì [[Giuseppe Petrilli]] alla presidenza dell'[[IRI]], dove contribuì alla riflessione sulle pratiche di gestione che avevano portato l'Istituto ad accumulare una pesante situazione debitoria ed a richiedere allo Stato fondi per ripianare le perdite; nel settembre [[1982]] fu sostituito nell'incarico da [[Romano Prodi]].
Pietro Sette morì in un incidente stradale il 1º dicembre [[1984]].
 
135 026

contributi