Zenone di Sidone: differenze tra le versioni

m
Fix vari
m (Fix vari)
{{Nota disambigua|altre voci di persone con lo stesso nome|Zenone}}
{{Bio
|Nome = Zenone di [[Sidone]]
|Cognome =
|PreData = in greco: {{lang-grc|Ζήνων, ''Zenon''|Zénōn}}
|Sesso = M
|LuogoNascita = Sidone
|GiornoMeseNascita =
|AnnoNascita = 150 a.C.
|LuogoMorte = Atene?
|LuogoMorteLink = Atene (città antica)
|GiornoMeseMorte =
|LuogoMorteAlt = ?
|AnnoMorte = 75 a.C.
|Attività = filosofo
|Nazionalità = greco antico
|PostNazionalità = [[Epicureismo|epicureo]]
}}
 
== Biografia ==
EgliZenone fu capo della [[Epicureismo|scuola epicurea]] ad [[Atene]]<ref>Cicerone, ''De natura deorum'', I 59.</ref> e maestro di [[Filodemo di Gadara|Filodemo]], nonché di [[Cicerone]].<ref>D. Obbink, ''Philodemus and Poetry: Poetic Theory and Practice in Lucretius, Philodemus and Horace'', Oxford, OUP, 1995, p. 15.</ref>.
 
Nel ''[[De natura deorum]]''<ref>I, 93.</ref>, [[Cicerone]] afferma che Zenone disdegnava gli altri filosofi e che aveva definito [[Socrate]] «il buffone dell'Attica». Tuttavia, sia Cicerone sia [[Diogene Laerzio]] scrivono di Zenone con rispetto, descrivendolo come un pensatore brillante e attento.
 
Nel ''[[De natura deorum]]''<ref>I 93.</ref>, [[Cicerone]] afferma che Zenone disdegnava gli altri filosofi e che aveva definito [[Socrate]] «il buffone dell'Attica». Tuttavia, sia Cicerone sia [[Diogene Laerzio]] scrivono di Zenone con rispetto, descrivendolo come un pensatore brillante e attento.
== Opere ==
Zenone si occupò di [[logica]], scrivendo un ''De signis'' (perduto), influenzato dal [[probabilismo]] di [[Carneade]].<ref>[http://www.treccani.it/enciclopedia/zenone-di-sidone/ Zenone di Sidone su {{Treccani Enciclopedia Online]}}</ref>.
 
Si sarebbe, inoltre, occupato di matematica, scrivendo un trattato ''Sulla geometria'' violentemente confutato da [[Posidonio di Apamea|Posidonio]].<ref>Proclo, ''Commento agli Elementi di Euclide'', ed. G. Friedlein, Leipzig, Teubner, 1873, pp. 214-218.</ref>.
 
Si sarebbe, inoltre, occupato di matematica, scrivendo un trattato ''Sulla geometria'' violentemente confutato da [[Posidonio di Apamea|Posidonio]]<ref>Proclo, ''Commento agli Elementi di Euclide'', ed. G. Friedlein, Leipzig, Teubner, 1873, pp. 214-218.</ref>.
== Note ==
<references/>
 
== Voci correlate ==
* [[Epicureismo]]
 
== Altri progetti ==
{{interprogetto}}
 
{{Controllo di autorità}}
{{Epicureismo}}
{{Controllo di autorità}}
{{Portale|antica Grecia|biografie|Filosofiafilosofia|ellenismo}}
 
[[Categoria:Filosofi greci antichi]]
[[Categoria:Epicurei]]
83 766

contributi