Differenze tra le versioni di "Colesterolo"

Immagine con sfondo trasparente per infobox + modifiche minori
(→‎Ipercolesterolemia: Corretto dl in dL)
(Immagine con sfondo trasparente per infobox + modifiche minori)
Etichetta: Editor wikitesto 2017
|immagine1_dimensioni = 180px
|immagine1_descrizione = Formula di struttura del colesterolo
|immagine2_nome = Cholesterol-3d molecule ball.png
|immagine2_dimensioni = 180px
|immagine2_descrizione = Rappresentazione tridimensionale del colesterolo
|nomi_alternativi = (3β)-colest-5-en-3-olo<br />(3β)-idrossicolest-5-ene<br />(3β)-idrossi-5-colestene
|titolo_caratteristiche_generali = ---
|massa_molecolare = 386.,65 g/mol
|aspetto = solido bianco
|titolo_proprietà_chimico-fisiche = ---
|densità_condensato = 1.,052
|solubilità_acqua = insolubile<ref name=":3" />
|solubilità in [[cloroformio]] = completa
[[File:Jiulius Vogel. Icones Histologiae Pathologicae.jpg|miniatura|left|Riproduzione dell'aspetto microscopico del [[ateroma|materiale ateromatoso]]. Si notano i caratteristici cristalli di colesterolo.]]
 
Il termine "colesterolo" deriva dal [[lingua greca antica|greco antico]], ''χολή'' ("[[bile]]") e ''στερεός'' ("solido", perché [[Cristallizzazione|cristallizzabile]]) uniti al suffisso ''olo'' relativo agli [[alcoli]].
 
Secondo quanto riferisce [[Antoine-François de Fourcroy]] (1789),<ref>{{Cita pubblicazione|autore=A.F. De Fourcroy|anno=1789|titolo=De la substance feuilletée et cristalline contenue dans les calculs biliaires, et de la nature des concrétions cystiques cristalisées.|rivista=Ann. Chim.|volume=3|pp=242-252|url=http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k6569445t.r=De%20la%20substance%20feuillet%C3%A9e%20et%20cristalline%20contenue%20dans%20les%20calculs%20biliaires%2C%20et%20de%20la%20nature%20des%20concr%C3%A9tions%20cystiques%20cristalis%C3%A9es.?rk=21459;2|lingua=fr}}</ref> la sua presenza, in forma di scaglie, è stata riscontrata nei [[Colelitiasi|calcoli della cistifellea]] da [[François Poulletier de La Salle]] (intorno al 1770)<ref>{{Cita libro|curatore=E. Ferroni|titolo=Enciclopedia della chimica|anno=1974|editore=USES|città=Firenze|p=608|volume=3}}</ref> e da Benjamin Gottlob Fridericus Conradi (1775).<ref>{{Cita|Kuntz|p.10|Kuntz}}</ref><ref name=":12">{{Cita libro|autore=R.P. Cook|titolo=Cholesterol|anno=1958|editore=Academic Press Inc.|città=New York|pp=1-2|lingua=en|isbn=no}}</ref>
Nel 1815 [[Michel Eugène Chevreul]] ha chiamato questa sostanza "colesterina".<ref name=":12" /> Il termine "colesterolo" è stato invece utilizzato per la prima volta nel 1894, dopo che [[Marcellin Berthelot]] (1859) ne aveva scoperto la natura [[Alcoli|alcolica]].
[[Julius Vogel]] nel 1843 ha isolato il colesterolo dagli [[Ateroma|ateromi]] e nel 1910 il [[patologo]] russo [[Nikolaj Aničkov]] scopriva il ruolo leader del colesterolo nello sviluppo dell'aterosclerosi sperimentale.<ref>{{Cita|Friedman|p. 252| Friedman}}</ref>.
 
Lo studioso [[Friedrich Reinitzer]] (1888) ne ha definito la [[formula empirica]] (C<sub>27</sub>H<sub>46</sub>O) e [[Adolf Otto Reinhold Windaus]] (1919) quella di [[formula di struttura|struttura]], poi corretta nel 1932.<ref name=":12" /> Nel 1975 il [[premio Nobel]] [[John Cornforth]] ne ha chiarito la [[stereochimica]] e stabilito la [[Configurazione (chimica)|configurazione]] degli [[Elemento stereogenico|stereocentri]].