Differenze tra le versioni di "La Cala (Palermo)"

nessun oggetto della modifica
 
==Storia==
[[File:Incorpora, Giuseppe (1834-1914) - Palermo - Cala e Monte Pellegrino.jpg|thumb|right|La Cala alla fine dell'800 in una fotografia di Giuseppe Incorpora]]
Furono per primi i [[Fenici]] a sfruttare questa insenatura naturale, nella quale sfociavano i fiumi [[Kemonia]] e [[Papireto]], questi fiumi adesso, a causa dell'espansione del centro storico, hanno un letto sotterraneo ed in tempi post-bellici sono stati deviati a parecchia distanza. Il bacino era protetto ad est dal [[Castello a Mare (Palermo)|Castello a Mare]], il molo venne costruito fra il [[1300]] e il [[1445]] e rimase il principale approdo della città fino al [[XVI secolo]], periodo in cui iniziò lo sviluppo portuale delle zone dei quartieri di Santa Lucia (l'attuale Borgo vecchio) e di Sant'Erasmo. Anche se nel corso dei secoli il maggior traffico marittimo si spostò dalla Cala al porto vero e proprio (più a nord), l'insenatura attirò sempre l'interesse degli urbanisti palermitani nei vari periodi storici. Alcuni fra i progetti vincitori del concorso riguardo al [[Piano regolatore]] della città del [[1939]], ne ipotizzarono l'interramento, la squadratura o addirittura un ponte, che attraversando la Cala avrebbe congiunto il lungomare Crispi con il Foro Italico, ma non diventarono ufficialmente parte del piano regolatore cittadino e non vennero attuati.
 
Utente anonimo