Differenze tra le versioni di "Enrico Carzino"

m
m (+)
 
In ''rossoblu'' riveste sempre il ruolo di secondo alle spalle di [[Giovanni De Prà]], totalizzando 18 presenze<ref>[https://archive.is/20080709041624/http://www.akaiaoi.com/schede_1914_29_01.htm SCHEDE GIOCATORI - 1914/1929] Akaiaoi.com</ref> e sfiorando due volte lo [[scudetto (sport)|scudetto]], nella [[Divisione Nazionale 1927-1928]] e nella [[Serie A 1929-1930]], concludendo entrambe le stagioni in seconda posizione. Pur posto in lista di trasferimento nell'agosto 1930<ref>Liste di trasferimento su [[La Stampa]], 7 agosto 1930, pag. 5</ref><ref>Liste di trasferimento su ''[[Il Littoriale]]'', 8 agosto 1930, pag.6</ref>, rimane comunque nelle file rossoblu anche nella stagione seguente.
 
Fu capitano del [[Genoa|Genoa riserva]] con cui conquista quatro campionati dal 1927 fino al 1931.<ref>Il Mare, Rapallo.</ref>
 
Lasciato il {{Calcio Genoa|N}} definitivamente, passa nel 1931 all'[[Associazione Sportiva Dilettantistica Imperia Calcio|Imperia]] in [[Serie C|terza serie]], dove fu capitano nella stagione [[Prima Divisione 1931-1932|1931-1932]]. Grazie anche alle sue parate l'[[Imperia Calcio|Imperia]] riuscì a mantenere la [[Prima Divisione 1932-1933|categoria]].
1 053

contributi