Differenze tra le versioni di "Syzygium aromaticum"

m
Correzione del termine "spezia": il lemma non è riconosciuto nella lingua italiana; viene utilizzato erroneamente come "singolare" di "spezie" (invariabile: sing. e plur.) vedi:. http://www.treccani.it/vocabolario/spezie
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
m (Correzione del termine "spezia": il lemma non è riconosciuto nella lingua italiana; viene utilizzato erroneamente come "singolare" di "spezie" (invariabile: sing. e plur.) vedi:. http://www.treccani.it/vocabolario/spezie)
<!--{{vedi anche|Chiodi di garofano}}-->
[[File:CloveCloseUp.jpg|thumb|left|upright=0.7|chiodo di garofano]]
I boccioli fiorali vengono raccolti ed essiccati e costituiscono la speziaspezie chiamata ''chiodi di garofano''. Nonostante il nome, essi non hanno nulla a che vedere con la pianta di [[garofano]]: l'accostamento tra i due deriva semplicemente dalla forma simile a un garofano che i boccioli assumono una volta essiccati.
 
Un singolo chiodo di garofano è quindi formato dal lungo calice gamosepalo formato da 4 [[sepalo|sepali]] e da 4 [[petalo|petali]] ancora chiusi che formano la parte tonda centrale.
Le principali aree di coltivazione sono: [[Zanzibar]], [[Indonesia]] e [[Madagascar]].
 
Non è da confondere col pepe garofanato che è un'altra speziaspezie: il [[pimento]].
 
=== Storia e tradizione ===
Diffusissimi in tutto l'Oriente, erano usati come ingrediente dei profumi e principio medicamentoso già nella [[Cina]] di 2200 anni fa. Arrivavano in Occidente tramite le vie carovaniere e già nel XVIII secolo a.C. ci sono tracce archeologiche in [[Siria]] di questa speziaspezie. L'origine della pianta è indonesiana. Già gli antichi romani (i patrizi) usavano questa speziaspezie per le sue proprietà antisettiche, quindi per calmare il dolore ai denti.
Divenne una speziaspezie rara ma conosciuta in Europa tramite la [[via dell'incenso]], fin dal medioevo, e [[Dante]] stesso, ne parla come fossero un bene di assoluto lusso ([[Inferno - Canto ventinovesimo|Inf. XXIX]], 127-129) usato dai ''vani'' scialacquatori senesi per far la brace per arrosti milionari.
 
Nel 1500 iniziarono a essere importati direttamente dagli europei, grazie ai portoghesi di ritorno da [[Timor Est]] e gli [[Paesi Bassi|olandesi]], che ne scoprirono un'ottima fonte nell'isola di [[Zanzibar]] e alle [[Maldive]]: come già per la [[Cannella]], divennero i principali importatori di una speziaspezie tra le più amate e tra le più care. Gli olandesi e i [[Belgio|belgi]] ne ricavarono successivamente l'olio essenziale che divenne un componente molto amato dalla cosmesi, che nei due paesi fiorì anche grazie a questo.
 
=== Caratteristiche ===
Questa [[spezie|spezia]] ha un potere [[ORAC|antiossidante (ORAC)]] tra i più elevati in assoluto, un indice di valore 314.446<ref>[http://www.phytochemicals.info/list-orac-values.php List of ORAC values of food items<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref>, circa 80 volte più potente di una [[mela]].
I chiodi di garofano hanno un profumo forte, dolce e fiorito, con una punta di pepato e di "caldo". Il composto maggiormente responsabile di questo aroma è l'[[eugenolo]]. Il gusto dei chiodi di garofano può ricordare gli infusi di [[carcadè]]. Si presentano con la caratteristica forma di chiodo che gli ha tributato il nome. Si acquistano interi in vasetti, e si utilizzano per infusione.
 
19

contributi