Impero Maurya: differenze tra le versioni

m
Bot: orfanizzo redirect Brahmana
Nessun oggetto della modifica
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
m (Bot: orfanizzo redirect Brahmana)
Da alcune fonti latine e greche, sappiamo che intorno al [[305 a.C.]] [[Seleuco I|Seleuco Nicatore]], uno dei generali di [[Alessandro Magno]], invase l'[[India]] con l'intento di rivendicare i territori conquistati da Alessandro durante le sue campagne. Seleuco e Chandragupta pervennero ad un accordo in base al quale le province appartenute precedentemente ai greci sarebbero entrate ufficialmente a far parte del nuovo impero indiano, in cambio di 500 elefanti da guerra, che si riveleranno decisivi nella [[battaglia di Ipso]] del [[301 a.C.]]. Con il regno di [[Ashoka]] la dinastia raggiunse il suo apice dominando un vasto impero che riuscì ad unificare tutto il [[subcontinente indiano]] e l'altopiano [[iran]]ico. Ma fu una costruzione effimera, retta su basi fragili, tanto che l'assenza di una vera struttura statale portò al progressivo crollo dell'impero dopo Ashoka, alla cui morte si restrinse all'area [[gange]]ica.
 
I sovrani Maurya, di bassa estrazione sociale, per sottrarsi all'influenza [[brahmanabrāhmaṇa]] si convertirono alle nuove fedi: Chandragupta, fondatore della dinastia, si convertì al [[giainismo]]; suo nipote, Ashoka, si proclamò ''[[cakravartin]]'', favorevole al [[buddhismo]]. Sotto i sovrani Maurya si assistette al momento più alto di diffusione del buddhismo indiano che, restando per lo più un fenomeno legato alle élite e al romitaggio, fu estraneo alle grandi masse popolari, tanto che decadde ([[II secolo a.C.]]) con la fine della dinastia.
 
La prima unione indiana durò 50 anni: conquistata da Candragupta e Bindusara, consolidata sotto il paternalismo imperiale di Ashoka, la cui tolleranza verso le genti di ogni credo, lingua o livello di sviluppo seppe fare proprie le realtà del pluralismo del subcontinente indiano. La disintegrazione avvenne sull'onda delle invasioni da nord, le defezioni da sud e le dispute per la successione. L'ultimo re della dinastia, [[Brihadratha]], fu assassinato per mano del generale Pushyamitra Shunga intorno al [[185 a.C.]]