Provenzano Salvani: differenze tra le versioni

m
Bot: orfanizzo redirect Sapia Salvani
Nessun oggetto della modifica
m (Bot: orfanizzo redirect Sapia Salvani)
|Didascalia = Miniatura del sec. XIV, Roma Biblioteca Chigiana: un fante porta sull'asta la testa di Provenzano Salvani
}}
Nobile comandante, nipote della nobildonna senese [[SapiaSapìa Salvani]], con la quale non condivideva le idee politiche durante la lotta tra [[Guelfi e Ghibellini]], fu a capo della parte ghibellina della [[Repubblica di Siena]] che era maggioritaria in città.
 
==Biografia==
 
Anziché approdare nell'Antipurgatorio, Provenzano si trova nel ''[[Purgatorio (Divina Commedia)|Purgatorio]]'' in virtù di un atto di umiltà: all'apice del potere si era ridotto a chiedere l'elemosina ai suoi concittadini per poter riscattare un amico prigioniero di [[Carlo I d'Angiò]]. La sua storia non viene narrata direttamente, ma da un altro personaggio della Commedia dantesca, [[Oderisi da Gubbio]].<ref>''Purgatorio'', XI, 121-142.</ref>
Nella ''Divina Commedia'' è indirettamente protagonista anche di un altro canto, il tredicesimo del Purgatorio, quando a parlare è [[SapiaSapìa Salvani]], sua zia da parte di padre, rievocando la vittoria dei guelfi e di [[Firenze]] nella [[battaglia di Colle|battaglia di Colle di Val d'Elsa]].<ref>''Purgatorio'', XIII, 112 segg.</ref>
 
== Note ==
== Voci correlate ==
*[[Lapidi della Divina Commedia di Siena]]
*[[SapiaSapìa Salvani]]
*[[Battaglia di Montaperti]]
*[[Battaglia di Colle]]