Differenze tra le versioni di "Cacciacarri"

inezie
m (smistamento lavoro sporco e fix vari)
(inezie)
=== Germania ===
{{F|veicoli militari|maggio 2016|neppure una fonte/nota/riferimento, a rischio di RO}}
Nel luglio 1941 la [[Wehrmacht]] si trovò di fronte il [[T-34 (carro armato)|T-34]] e il [[Kliment Voroshilov (carro armato)|KV 1]] sovietici, e fu costretta a trovare un mezzo per fermare queste nuove minacce. Gli unici carri disponibili che avevano un anello di torretta sufficiente a supportare un pezzo lungo da 75 mm (arma ritenuta necessaria per poter affrontare con tranquillità l'ottima corazza inclinata del T-34) erano i [[Panzer IV]], quindi fu iniziato lo sviluppo del Panzer IV F2, sulla base dei carri esistenti e fu iniziata la progettazione del [[Panzer V Panther]]. Tuttavia questa linea poteva portare frutti solo su tempi dell'ordine di diversi mesi (il Panzer IV F2 entrò in servizio nella primavera del 1942 e il Panther entrò in servizio solo nel luglio 1943), quindi, una volta stabilito che era necessario avere veicoli blindati armati con cannoni di almeno 75mm, si decise di rinunciare alla torretta per incrementare il calibro dell'arma. Su questa linea furono prodotti cannoni semoventi destinati ad operare contro i carri armati, definiti nella terminologia tedesca ''Jagdpanzer'' (carri da caccia), in italiano ''cacciacarri o carri caccia''. Invece, come già accennato, ''Panzerjäger'' (cacciatore di carri) fu il nome di battesimo di alcuni modelli oltre che la relativa specialità militare.
 
Tentativi nel senso di costruire semoventi destinati alla lotta contro i carri armati erano già stati effettuati, usando gli scafi del [[Panzer I]] su cui era montato un cannone da 47 mm ([[Panzerjäger I]]), prodotto dal marzo al maggio 1940 in 132 esemplari. Ovviamente questi veicoli non potevano essere la soluzione per il contrasto ai carri sovietici, quindi lo scafo del carro cecoslovacco [[Panzer 38(t)]] fu adattato per ospitare in una struttura aperta superiormente il cannone russo da 76,2 mm (catturato in grandi quantità all'inizio della campagna) o il cannone anticarro PaK 7,5 cm, questo nuovo veicolo fu denominato [[Marder III]], mentre il [[Marder II]] fu basato su scafo [[Panzer II]] con lo stesso armamento. Questi veicoli furono costruiti in un numero notevole di esemplari ed operarono su tutti i teatri di guerra. Quando si resero disponibili cannoni anticarro da 88 mm fu realizzato un ''Panzerjäger'' su scafo PzKpfw III modificato (allungato e con alcune caratteristiche del Panzer IV, usato anche per il semovente [[Hummel (semovente)|Hummel]]), denominati [[Nashorn]], costruito in pochi esemplari a partire dal novembre 1942 risentì della struttura aperta (simile appunto a quella dell'Hummel) per l'impiego in prima linea.
Quando la Germania aveva conquistato la [[Cecoslovacchia]] nel [[1938]] era in produzione presso le fabbriche [[Škoda Holding|Škoda]] il carro TNH P-S, la cui costruzione fu continuata con il nome di Panzer 38(t). nel 1941 il carro era ormai obsoleto, quindi il suo scafo fu usato come base per artiglierie semoventi (fra l'altro per la produzione del Marder III, indicato sopra). Nel 1943 iniziò la progettazione di un cacciacarri leggero, basato appunto sullo scafo del Panzer 38(t), denominato [[Hetzer]]. Questo mezzo si dimostrò il cacciacarri tedesco più longevo di tutta la guerra, dato che, dopo la fine della guerra, fu prodotto per l'Esercito Svizzero come ''G 13'' e fu ritirato dal servizio solo negli [[anni 1970|anni settanta]]. Questo mezzo era armato con il PaK 39 7,5 cm, e aveva una sagoma talmente bassa (2 metri di altezza) da essere quasi invisibile in appostamento, i suoi maggiori difetti consistevano nello spazio abitativo estremamente ridotto e nel fatto che il cannone, posto sull'estrema destra dello scafo, doveva essere tuttavia caricato da destra (questo a causa del fatto che il cannone era stato abbinato al progetto su una base di pura disponibilità e non era stato possibile progettarne uno ''[[ad hoc]]''), creando non pochi problemi al servente che nell'operazione rischiava di ferirsi anche gravemente.
 
Questi sono i veicoli studiati in Germania per avere una funzione anticarro, ma molti altri veicoli vennero da improvvisazioni effettuate quasi nelle officine campali (un esempio ne è il ''Bren Carrier'', armato con il ''PaK 35 3,7 cm'', che operò in [[Normandia]]). Una descrizione dettagliata di tutti questi veicoli, spesso prodotti in quantità irrisorie, sarebbe in un certo senso fuorviante, mostrando un esercito che va avanti rattoppando i mezzi che trova in giro. In realtà la Wehrmacht, pur mostrando uno spirito di improvvisazione talvolta geniale, cercò sempre di operare con i mezzi prodotti per lo scopo preciso a cui erano destinati.
 
=== Italia ===
L'ultimo cacciacarri sviluppato in URSS nel corso della seconda guerra mondiale fu il ''[[ISU-122]]'', su scafo del carro [[JS (carro armato)|JS]] con un cannone ''122mm M 1931-37'', montato in modo da avere una traversa di 11° (piuttosto elevata per un mezzo con cannone in casamatta). Questo carro venne comunque modificato installando un [[152 mm M1937]] dando alla luce l'[[ISU-152]].
 
== Riferimenti ==
* AAVV, ''War Machine'', Aeropsace Publishing Ltd, 1983, tradotto in italiano per De Agostini come ''Armi da guerra'', 1984
* AAVV, ''Storia dei mezzi corazzati'', Fratelli Fabbri Editori, 1976
* {{en}} Peter Chamberlain e Chris Ellis, ''Panzerjäger'', Almark Publishing, 1971
* {{en }} Fred W. Crismon, U.SD. Military tracked vehicles, Motorbooks International, 1992, ISBN 0-87938-672-X
* {{lingue|en|de}} Heiner F. Duske, ''Panzerjäger I - 4,7 cm PaK(t)auf Pz I Ausf B (Sd.Kfz. 101)'', Pubblicato da Duske-Greenland-Schulz, 1997
* Cesare Falessi e Benedetto Pafi, ''Veicoli da combattimento dell'esercito italiano dal 1939 al 1945'', Intyrama, 1976
* {{en}} Horst Scheibert, ''Hetzer Jagdpazer 38(t) und G-13'', tradotto in inglese con lo stesso titolo da Paul Reinert per Shiffer Publishing, 1990, ISBN 0-88740-238-0
* {{en}} Horst Schibert, ''Sturmgeschütz 40 - Der beste Panzerjäger'', tradotto in inglese come ''Sturmgeschütz 40 (L/43 and L/48)'' da David Johnston per Shiffer Publishing, 1991, ISBN 3-7909-0192-X
 
== Note ==
 
== Voci correlate ==
* [[Artiglieria controcarri]]
* [[Carro armato]]
* [[Semovente d'artiglieria]]
 
== Altri progetti ==
32 578

contributi