Differenze tra le versioni di "Chrysocyon brachyurus"

Note e bibliografia
(Note e bibliografia)
 
== Conservazione ==
La lista rossa dell'[[IUCN]] lo considera prossimo alla minaccia ma non immediatamente a rischio di estinzione. In [[Uruguay]] l'ultima segnalazione risale al 1990.<ref name=IUCN>{{IUCN|summ=4819|autore=Paula, R.C. & DeMatteo, K. |anno=2015 |accesso=22 agosto 2018}}</ref>
È una specie a rischio di estinzione (in [[Uruguay]] e nel nord dell'[[Argentina]] è già scomparso) anche se la lista dell'[[IUCN]] lo considera a basso rischio.
 
È un animale molto ambito negli zoo, dove già nel 1967 venne ottenuto un primo parto in cattività ma i piccoli, non curati dalla madre, non sopravvissero. 10 anni più tardi vi erano una novantina di esemplari negli zoo, con circa un terzo nato in cattività, i parti erano una decina l'anno ma spesso i piccoli non sopravvivevano.
== Note e bibliografia ==
<references/>
 
* {{IUCN|summ=4819|autore=Sillero-Zubiri, C. & Hoffmann, M. 2004}}
 
== Altri progetti ==
{{interprogetto|commons|wikispecies}}
 
== Collegamenti esterni ==
* O. Courtenay, 1994, https://web.archive.org/web/20040301171019/http://www.canids.org/PUBLICAT/CNDNEWS2/manedwf2.htm
{{Portale|mammiferi}}