Apri il menu principale

Modifiche

m
→‎Biografia: specificazione di un lavoro attribuito all'architteto a Padova
Nato a Settignano (Firenze) nel 1511, rimase orfano di padre a dodici anni e per vivere entrò nella bottega di [[Baccio Bandinelli]]<ref name=Treccani>{{DBI|bartolomeo-ammannati}}</ref>. Intorno al 1530 si recò a [[Venezia]] attratto dalla fama di [[Jacopo Sansovino]], che ebbe modo di conoscere. Lavori di scultura di questo primo periodo, ricordati da [[Raffaello Borghini]], il suo principale biografo, sono per lo più perduti, come il rilievo con ''Dio Padre e angeli'' per il [[Duomo di Pisa]] e una ''Leda'' per [[Guidobaldo II Della Rovere]], mentre restano un ''San Nazario'', un ''David'' e una ''Giuditta'' (originariamente scolpiti come ''Apollo'' e ''Minerva'') alla [[tomba di Jacopo Sannazaro]] nella [[chiesa di Santa Maria del Parto a Mergellina]] ([[Napoli]])<ref name=Treccani/>.
 
Nel [[1537]] tornò a Venezia, dove collaborò con [[Jacopo Sansovino]] alla decorazione della [[Biblioteca nazionale Marciana|Libreria di San Marco]], scolpendo un ''Nettuno'' (distrutto per un crollo nel 1750) e ad alcuni rilievi in archi e sottarchi. Nel [[1544]] si trasferì poi a [[Padova]], dove entrò sotto la protezione di [[Marco Mantua Benavides]] e per il cui [[palazzo Mantua Benavides|palazzo]] scolpì un ''Ercole'', un ''Giove'' e un ''Apollo'' ancora nelle nicchie in loco. Nel [[1546]] nello stesso palazzo disegnò probabilmente l'arco e, lo stesso anno, progettò il sepolcro per il Mantua Benavides nella [[chiesa degli Eremitani]]<ref name=Treccani/>. Secondo gli studi del prof. [[Lionello Puppi]] anche l'edificio [[Palazzo Trevisan-Mion]] situato ora in via degli Zabarella n.82 è da attribuirsi al giovane Ammmannati.
 
===A Roma===
23

contributi