Apri il menu principale

Modifiche

1 227 byte aggiunti ,  1 anno fa
m
amplio
|GiornoMeseNascita = 16 marzo
|AnnoNascita = 1741
|NoteNascita = <ref>Nella descrizione della vita di Carlo Amoretti fatta da Giovanni Labus nella sesta edizione del libro ''Viaggio da Milano ai tre laghi Maggiore, di Lugano e di Como e ne' monti che li circondano di Carlo Amoretti - Sesta edizione corretta e corredata di antichi monumenti e della vita dell'autore dal dottor Giovanni Labus'' del 1824 viene citato il 13 marzo come giorno di nascita.</ref>
|LuogoMorte = Milano
|GiornoMeseMorte = 24 marzo
 
==Biografia==
Appartenente aad una benestante famiglia di mercanti, studiòil padre Bernardo faceva parte della milizia urbana e la madre Vittoria Aicardi era figlia di uno stimato giureconsulto di [[Testico]]. Studiò presso gli [[Chierici Regolari Poveri della Madre di Dio delle Scuole Pie|Scolopi]] di Oneglia (attuale [[Imperia]])., Nelnel [[1756]], all'età di quattordici anni entrò nell'[[Ordine di Sant'Agostino|ordine agostiniano]]. L'anno successivo si recò a [[Pavia]] per completare i suoi studi, rivolti soprattutto verso la [[fisica]] e la [[teologia]]. Nel [[1761]] andò per la prima volta a [[Milano]], dove si trattenne per un anno, e l'anno successivo a [[Parma]]. A Parma perfezionò la conoscenza delle lingue antiche ([[lingua latina|latino]], [[lingua greca|greco]], [[lingua ebraica|ebraico]]) e moderne ([[lingua francese|francese]], [[lingua inglese|inglese]], [[lingua tedesca|tedesco]], [[lingua spagnola|spagnolo]]). Nel [[1769]], in conseguenza dell'abolizione del convento degli agostiniani nel Ducato di Parma, Amoretti divenne prete secolare. Lo stesso anno ottenne la cattedra di [[Diritto ecclesiastico|Giurisprudenza ecclesiastica]] all'[[Università degli Studi di Parma|Università di Parma]].
 
Nel [[1761]] andò per la prima volta a [[Milano]], dove si trattenne per un anno, e l'anno successivo a [[Parma]] presso il [[Chiesa di San Luca (Parma)|convento degli eremitani]]. A Parma perfezionò la conoscenza delle lingue antiche ([[lingua latina|latino]], [[lingua greca|greco]], [[lingua ebraica|ebraico]]) e moderne ([[lingua francese|francese]], [[lingua inglese|inglese]], [[lingua tedesca|tedesco]], [[lingua spagnola|spagnolo]]), in questo periodo tradusse in italiano la satira di [[Jonathan Swift]] ''[[Favola della botte|Tale of a Tub]]'' compendiandola in latino. Tradusse prima di [[Melchiorre Cesarotti]] alcune opere di [[Ossian]] che non pubblicò.
 
A Parma frequentò e fu in ottimi rapporti con numerosi intellettuali dell'ambiente religioso e non, tra i quali [[Paolo Maria Paciaudi]], Barnaba Chiaramonti (che divenne poi [[Papa Pio VII]]), [[Adeodato Turchi]], lo scrittore e filologo [[Antonio Cerati]], il matematico [[Francesco Venini]] e il filosofo e letterato [[Francesco Soave]].
 
Nel [[1769]], in conseguenza dell'abolizione del convento degli agostiniani nel Ducato di Parma, Amoretti divenne prete secolare. Lo stesso anno ottenne la cattedra di [[Diritto ecclesiastico|Giurisprudenza ecclesiastica]] all'[[Università degli Studi di Parma|Università di Parma]].
 
A Parma Amoretti divenne sostenitore dei progetti riformistici di [[Guillaume du Tillot]], primo ministro dal 1749 al 1771<ref>Charles Nisard: Guillaume Du Tillot, un valet ministre et secrétaire d'État, épisode de l'histoire de France en Italie, de 1749 à 1771 (1887)
77 423

contributi