Apri il menu principale

Modifiche

Annullo modifica apparentemente ingiustificata
'''Guelfi e ghibellini''' erano le due fazioni contrapposte nella politica italiana del [[Basso Medioevo]], in particolare dal [[XII secolo]] sino alla nascita delle [[Signoria cittadina|Signorie]] nel [[XIV secolo]].
 
Le origini dei nomi risalgono alla lotta per la [[Imperatore del Sacro Romano Impero|corona imperiale]] dopo la morte dell'imperatore [[Enrico IVV di Franconia|Enrico IVV]] (1125) fra le casate [[Baviera|bavaresi]] e [[Sassonia|sassoni]] dei [[Welfen]] (da cui la parola «guelfo») con quella [[Svevia|sveva]] degli [[Hohenstaufen]], signori del castello di [[Waiblingen]] (anticamente Wibeling, da cui la parola «ghibellino»). Successivamente – dato che la casata sveva acquistò la corona imperiale e, con [[Federico Barbarossa|Federico I Hohenstaufen]], cercò di consolidare il proprio potere nel [[Regno d'Italia]] – in questo ambito politico la lotta passò a designare chi appoggiava l'impero (ghibellini) e chi lo contrastava sostenendo il [[papato]] (guelfi).
 
== Contesto storico ==