Apri il menu principale

Modifiche

Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i. #IABot (v2.0beta9)
 
=== Courbet e la Comune di Parigi ===
{{citazione|Nel 1870, Gustave Courbet è all'apice della sua gloria. Sette anni dopo, muore nell'oblio, decaduto e in esilio. Tra queste due date, Courbet vive uno dei periodi di crisi più violenti della storia francese: la Comune|Musée d'Orsay<ref name=orsayy>{{cita web|accesso=20 giugno 2016|url=http://www.musee-orsay.fr/it/eventi/mostre/al-museo-dorsay/mostre-al-museo-dorsay-maggiori-informazioni/article/courbet-et-la-commune-4001.html?tx_ttnews%5BbackPid%5D=649&cHash=fc04dabd21|titolo=Courbet e la Comune|anno=2000|editore=Musée d'Orsay|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20160815095501/http://www.musee-orsay.fr/it/eventi/mostre/al-museo-dorsay/mostre-al-museo-dorsay-maggiori-informazioni/article/courbet-et-la-commune-4001.html?tx_ttnews%5BbackPid%5D=649&cHash=fc04dabd21|dataarchivio=15 agosto 2016|urlmorto=sì}}</ref>|En 1870, Gustave Courbet est au sommet de sa gloire. Sept ans plus tard, il meurt dans l'oubli, déchu et exilé. Entre ces deux dates, Courbet vit l'une des crises les plus violentes de l'histoire de France: la Commune|lingua=fr}}
Il 1870, tuttavia, fu un anno in cui la Francia venne sconvolta da grandi cambiamenti politici. Stava infatti imperversando la [[guerra franco-prussiana]], combattuta tra il [[secondo Impero francese]] ed il [[regno di Prussia]]. Mentre Parigi, subendo la vigorosa offensiva delle truppe tedesche, andava sempre più spopolandosi, Courbet decise invece di rimanere in città, complice forse un residuo d'influsso [[sanculotto]] (quale era il nonno), e la volontà di «investire le proprie energie in una resistenza energica e idealistica» (Musée d'Orsay). Alla proclamazione della [[terza Repubblica francese]], Courbet venne totalmente coinvolto nel conflitto, venendo nominato presidente della Commissione delle arti: ricoprendo quest'ufficio, Courbet ebbe la possibilità di salvaguardare l'immenso patrimonio artistico di Parigi dalla furia dei soldati prussiani, prelevandolo dai musei e custodendolo in luoghi ritenuti sicuri.<ref name=orsayy/>
 
886 171

contributi