Differenze tra le versioni di "Casta"

130 byte aggiunti ,  3 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (Bot: orfanizzo redirect Brahma)
Inizialmente le caste erano quattro, nel seguente ordine decrescente: ''[[brahmani]]'' (i sacerdoti), ''[[kshatriya]]'' (il re, i nobili e i guerrieri), '[[vaiśya]]' (gli agricoltori e i mercanti) e ''shudra'' (i servi); ma con l'emergere di nuove attività e gruppi sociali il sistema subì un'evoluzione e si sviluppò una serie di sottocaste o ''[[jāti]]''. In effetti, in italiano si usa la parola "casta" sia per tradurre il sanscrito ''varṇa'' (le quattro grandi suddivisioni della società indiana) sia per tradurre il sanscrito ''jāti'' (le migliaia di comunità endogame caratterizzate da regole proprie)<ref>Antonio Monroy, ''Il sistema sociale'' in Pietro Tarallo (a cura di), ''India'', Milano, CLUP, 1993</ref>.
 
Il concetto di "purezza rituale" portò alla stigmatizzazione dei fuori-casta, gli "intoccabili", il cui lavoro veniva considerato impuro. Ogni casta ha il proprio [[dharma]], ossia una serie di doveri da compiere. Si tratta per lo più di preghiere, di servizio nei confronti della comunità, di dominio delle proprie passioni. Secondo le dottrine induiste, la casta nella quale un individuo nasce è il risultato delle sue azioni in una vita precedente. In questa visione le ineguaglianze fra gli uomini sono quindi la conseguenza di azioni nelle vite passate, ed hanno del resto un valore provvisorio: valgono cioè fino alla morte dell'individuo e alla sua successiva [[reincarnazione]]. I [[Paria (casta)|Paria]]: sono i fuori casta detti anche ''gli intoccabili'' in quanto chi li sfiora anche solo accidentalmente deve immediatamente andare a purificarsi; ad essi sono comunemente riservati lavori umili quali la pulizia delle strade<ref>{{cita libro | autore=Stanley Wolpert| wkautore= | editore=Bompiani | anno=2000 | titolo=Storia dell'India | pp=49-50}}</ref>.
 
Se il [[buddhismo]], il [[giainismo]], il [[sikhismo]] e l'[[Islam]] rappresentano forme di ribellione al sistema delle caste, anche all'interno dell'induismo vari personaggi vi si opposero nel corso dei secoli.
195

contributi