Speravo de morì prima

miniserie TV del 2021 diretta da Luca Ribuoli

Speravo de morì prima è una miniserie televisiva italiana del 2021, basata sulla biografia Un capitano scritta da Paolo Condò in collaborazione con Francesco Totti.

Speravo de morì prima
Logo della serie
PaeseItalia
Anno2021
Formatominiserie TV
Generecommedia drammatica, sportivo
Puntate6
Durata40 min (episodio)
Lingua originaleitaliano
Rapporto2,00:1
Crediti
IdeatoreStefano Bises, Michele Astori
RegiaLuca Ribuoli
Soggetto
SceneggiaturaStefano Bises, Michele Astori
Interpreti e personaggi
FotografiaIvan Casalgrandi
MontaggioPietro Morana
MusicheNicola Tescari
ScenografiaLuca Gobbi, Sonia Peng
CostumiEva Coen
ProduttoreVirginia Valsecchi (Capri Entertainment), Mario Gianani, Lorenzo Gangarossa (Wildside)
Produttore esecutivoOlivia Sleiter (Wildside), Nils Hartmann, Sonia Rovai (Sky)
Casa di produzioneSky Studios, Wildside, Capri Entertainment, Fremantle, The New Life Company, Kwaï
Prima visione
Dal19 marzo 2021
Al2 aprile 2021
Rete televisivaSky Atlantic

La serie, sviluppata da Stefano Bises e Michele Astori e diretta da Luca Ribuoli, si concentra sugli ultimi anni di carriera di Totti nella Roma.

Nel 2016, all'alba dei quarant'anni, Francesco Totti, capitano della Roma, sa che il momento in cui dovrà ritirarsi si avvicina, ma spera di poter giocare ancora qualche anno. Il ritorno alla Roma dell'allenatore Luciano Spalletti mette a rischio i suoi piani. Spalletti, un tempo suo grande estimatore e amico, appare come un uomo diverso, aggressivo, e così Totti deve lottare per poter continuare a giocare e dire addio al calcio secondo le sue regole.

Puntate

modifica
Titolo Prima TV
1 Episodio 1 19 marzo 2021
2 Episodio 2
3 Episodio 3 26 marzo 2021
4 Episodio 4
5 Episodio 5 2 aprile 2021
6 Episodio 6

Episodio 1

modifica

Francesco Totti a 39 anni sta recuperando da un infortunio e pensa solo a ritornare in campo mentre la moglie Ilary cerca di fargli capire che deve iniziare a pensare al ritiro ma lui non ne vuole sapere. Quando al posto di Rudi Garcia ad allenare la Roma torna Luciano Spalletti, Francesco pensa di poter stare tranquillo dato che aveva lavorato bene con l’allenatore toscano ma questo non ha dimenticato che il Capitano non lo aveva difeso quando era stato esonerato anni prima e quindi inizia a trattarlo male anche davanti ai compagni di squadra facendogli capire che la musica è cambiata.

Episodio 2

modifica

Totti e Spalletti sono ormai ai ferri corti: l’allenatore non concede spazio al Capitano e alla stampa fa capire che lui sta allenando la Roma e non soltanto Francesco Totti. Dopo uno sfogo durante un’intervista al TG1, Totti non viene convocato da Spalletti per la sfida con il Palermo e così il Capitano attacca duramente il mister. Francesco si presenta in tribuna con la moglie e viene acclamato dai tifosi mentre Spalletti viene fischiato da tutto lo stadio.

Episodio 3

modifica

Francesco ripensa al suo infortunio del 2006 che avrebbe potuto fargli saltare i Mondiali poi vinti dall’Italia e al rapporto fraterno che aveva con Antonio Cassano. Totti continua a giocare poco ma quando entra segna gol pesanti. Dopo la gara con l’Atalanta negli spogliatoi arriva quasi alle mani con Spalletti.

Episodio 4

modifica

Il direttore generale Mauro Baldissoni fa capire a Totti che gli verrà rinnovato il contratto per un'ultima stagione e che poi potrà entrare in dirigenza; sua moglie gli chiede di andare a giocare all’estero per chiudere la carriera con dignità. Francesco, pur deluso dal trattamento che sta ricevendo, chiede consiglio ad Andrea Pirlo e Alessandro Del Piero sui campionati stranieri ma vuole chiudere con la Roma. Ripensa alla sua storia con Ilary da quando l’ha conosciuta nel 2002 e a quando all’età di 12 anni con la famiglia aveva rifiutato la corte di Ariedo Braida, dirigente del Milan.

Episodio 5

modifica

Totti alla festa per i suoi 40 anni invita anche Spalletti il quale gli regala un modellino dell’auto di Ritorno al futuro umiliandolo nuovamente davanti a tutti. Baldissoni insiste e chiede a Francesco di annunciare che sarà il suo ultimo derby da calciatore ma lui non ne vuole sapere anche se si sta arrendendo al fatto che a breve sarà costretto a smettere.

Episodio 6

modifica

Spalletti vuole che Totti scelga come giocare la sua ultima partita ma il Capitano risponde che può fare come vuole e che la Roma viene prima di tutto dovendo conquistare ancora la qualificazione alla prossima Champions. Francesco però è triste perché non sa cosa succederà dopo che avrà smesso e la moglie lo aiuta a scrivere il discorso d’addio.

28 maggio 2017. Francesco gioca i suoi ultimi minuti con la maglia che ha sempre indossato in occasione Roma-Genoa e al termine della gara la tifoseria dell’Olimpico gli rende omaggio dopo il suo discorso commovente. Francesco sogna poi di continuare a giocare con la Roma grazie al rinnovo offertogli dal Presidente James Pallotta.

Personaggi e interpreti

modifica

Principali

modifica

Ricorrenti

modifica

Musicisti

modifica

Produzione

modifica

La serie venne annunciata nel luglio 2020, poco prima dell'inizio delle riprese.[2]

Promozione

modifica

Tra gennaio e febbraio 2021 vengono pubblicate le prime clip della serie,[3][4] seguite poco dopo dal trailer ufficiale.[5]

Distribuzione

modifica

La miniserie ha debuttato il 19 marzo 2021 su Sky Atlantic e in streaming su Now.[6] Viene trasmessa in replica in chiaro su TV8 dal 30 marzo al 13 aprile 2022.

  1. ^ Nicola Tescari.
  2. ^ Muccino, Totti, Petra e Romulus: tutte le nuove serie di Sky in arrivo, su Wired.it, 22 luglio 2020.
  3. ^ 'Speravo de morì prima', la serie tv su Totti andrà in onda su Sky a marzo, su Sky TG24, 19 gennaio 2021.
  4. ^ 'Speravo de morì prima', nuova clip della serie su Francesco Totti, su Adkronos.it, 2 febbraio 2021.
  5. ^ Speravo de morì prima, la serie tv su Francesco Totti dal 19 marzo su Sky: ecco il trailer ufficiale, su Fanpage.it, 11 febbraio 2021. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  6. ^ 'Speravo de morì prima', il trailer della serie tv su Totti, su Sky dal 19 marzo, su tg24.sky.it, Sky TG24, 11 febbraio 2021. URL consultato l'11 febbraio 2021.

Collegamenti esterni

modifica