Apri il menu principale
Spettrus (prima serie)
serie regolare a fumetti
Lingua orig.italiano
PaeseItalia
TestiAlfredo Saio, Andreina Repetto
DisegniFranco Oneta, Fausto Oneta
EditoreEdizione Cervinia
1ª edizioneMarzo 1965 – Aprile 1967
Albi46 (completa)
Generefumetti neri
Spettrus (seconda serie)
serie regolare a fumetti
TestiAlfredo Saio, Andreina Repetto
DisegniFranco Oneta, Fausto Oneta
EditoreEdizione Cervinia
1ª edizione11 maggio 1967 – 23 giugno 1967
Albi4 (completa)
Generefumetti neri

Spettrus è un personaggio dei fumetti neri italiani nato sulla scia del successo di Diabolik[1] e protagonista di due serie a fumetti pubblicate in Italia dal 1965 al 1967[2]; venne ideato dagli sceneggiatori Alfredo Saio e Andreina Repetto e disegnato da Franco e Fausto Oneta[2] e, a differenza degli altri epigoni di Diabolik, era privo di corpo e dotato solo di una mente che si nutriva della paura degli altri[1].

Biografia del personaggioModifica

La serie narra le avventure della “mente” dello scienziato pazzo Marcus Emerson che, privo di un vero e proprio corpo, esiste solo come mente[2]. Graficamente venne realizzato disegnando solo gli occhi fluttuanti a mezz'aria che si sostituivano a quelli delle sue vittime[1]. Contro di lui si schiera l’eroe mascherato Ariel[2].

Storia editorialeModifica

Il personaggio è protagonista di due serie a fumetti realizzate fra il 1965 e il 1967[2][3][4].

Volumi pubblicatiModifica

Prima serieModifica

La prima serie è composta da 46 volumi pubblicati in formato tascabile dalle Edizioni Cervinia da marzo 1965 ad aprile 1967 con periodicità prima mensile e poi quattordicinale[2][3]:

  1. "La notte del mostro"
  2. "La torre della tortura"
  3. "L'inferno dei pazzi"
  4. "Giustizia mortale"
  5. "La morte viene dal mare"
  6. "L'assassino nell'ombra"
  7. "Un uomo da uccidere"
  8. "La lancia insanguinata"
  9. "Il bosco dell'orrore"
  10. "Il ritorno del mostro"
  11. "La morte ha gli occhi viola"
  12. "Il cadavere che uccide"
  13. "Terrore a New York"
  14. "L'urlo della belva"
  15. "La valle degli scheletri"
  16. "Il sangue non si paga"
  17. "La notte del terrore"
  18. "Anonima Vampiri"
  19. "La caccia della tigre"
  20. "Il volto della morte"
  21. "L'impronta insanguinata"
  22. "L'orrenda scoperta"
  23. "Lo sparo dall'Oltretomba"
  24. "La cripta del morto"
  25. "Uccidere o morire"
  26. "Lotta di mostri"
  27. "Sexi e droga"
  28. "S.O.S. Salvate il mondo"
  29. "La città del terrore"
  30. "Paura"
  31. "Delitti sexy"
  32. "La legione dei dannati"
  33. "La morsa di fuoco"
  34. "Lotta inumana"
  35. "Massacro spaziale"
  36. "L'infame ricatto"
  37. "La strada del patibolo"
  38. "Il pugile maledetto"
  39. "Tragedia sull'Hymalaia"
  40. "La rivincita di Ariel"
  41. "L'idolo di sangue"
  42. "La clinica della morte"
  43. "Morire a Tangeri"
  44. "L'albero dell'impiccato"
  45. "L'uomo e la bara"
  46. "I figli del demonio"

Seconda serieModifica

La seconda serie è composta da 4 volumi in formato tascabile pubblicati dalle Edizioni Cervinia nel 1967 con periodicità quattordicinale[2][4]:

  1. "Wolfox = Terrore"
  2. "Patto con il Diavolo"
  3. "La donna di Wolfox"
  4. "Sangue sul tappeto verde"

RistampaModifica

Nel 1969 nella collana "La mente che uccide" vennero ristampate le prime sei storie ripropose a due per numero[5].

NoteModifica

  1. ^ a b c La guida degli epigoni di Diabolik, in afnews.info, 30 dicembre 2012. URL consultato il 16 novembre 2016.
  2. ^ a b c d e f g Spettrus, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 16 novembre 2016.
  3. ^ a b Spettrus Serie I, su www.collezionismofumetti.com. URL consultato il 16 novembre 2016.
  4. ^ a b Spettrus Serie II, su www.collezionismofumetti.com. URL consultato il 16 novembre 2016.
  5. ^ Collana Cervinia, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 16 novembre 2016.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti